SARONNO – A seguito della seconda emergenza sanitaria lombarda che ha imposto la chiusura di tutti gli impianti sportivi per limitare i rischi di contagio da Covid 19, Saronno Servizi ha attivato già un progetto di lancio di interventi straordinari di miglioramento e manutenzione dell’impianto natatorio di Via Miola, finalizzato a utilizzare il periodo di lock-down per poter eseguire i lavori.

A dare il là al progetto la comunicazione dell’acquisizione da parte della società sportiva dilettantistica del finanziamento erogato dal bando regionale per lo Sport stanziato da Regione Lombardia: un contributo economico importante e utile per svolgere interventi di adeguamento e messa in sicurezza di impianti sportivi sul territorio. Le risorse rese disponibili hanno trovato una pronta collocazione per lo svolgimento della Linea 1 del finanziamento, nella voce specifica relativa al punto su “riqualificazione di impianti sportivi esistenti: recupero funzionale, ristrutturazione, manutenzione straordinaria, abbattimento delle barriere architettoniche, miglioramento sismico, efficientamento energetico, messa a norma e messa in sicurezza; interventi in conseguenza all’emergenza sanitaria Covid 19”.

I lavori previsti per la piscina comunale saronnese sono partiti lo scorso primo dicembre e riguardano tre linee di intervento.

– Sicurezza con interventi di rifacimento della superficie della vasca , interventi al sottotetto della struttura per migliorare la sicurezza complessiva dell’edificio;

– Accessibilità e aereazione: interventi migliorativi all’area degli spalti al fine di garantire un accesso migliore alle sedute in tribuna e un miglior ricambio d’aria complessiva;

– Risparmio energetico: interventi di miglioramento dell’efficienza energetica dell’impianto natatorio con un conseguente risparmio nel consumo di gas elettrico mediante la ridistribuzione degli spazi interni;

Tali opere in corso consentiranno a Saronno Servizi di conseguire il certificato Cpi (Certificato di Prevenzione Incendi) e poter presentare a tutti i clienti della piscina una struttura ulteriormente migliorata alla data di riapertura.
“Stiamo sfruttando al meglio anche questo periodo negativo di lock-down per poter svolger finalmente interventi straordinari che negli anni si sono resi necessari – ha commentato Katia Mantovani, amministratore di Saronno Servizi – Siamo sicuri che alla riapertura tutti i nostri utenti saranno lieti di constatare che abbiamo svolto ulteriori opere di miglioramento dell’impianto, augurandoci di poter condividere questo lavoro con tutte le famiglie che frequentano la piscina di Saronno”.

“I finanziamenti che abbiamo vinto grazie alla nostra partecipazione al bando regionale per lo Sport, sono una risorsa preziosissima che non va sprecata, ma assolutamente investita in importanti interventi a favore della collettività e secondo un piano programmato e oculato della gestione delle risorse pubbliche” ha concluso Alberto Canciani, presidente di Saronno Servizi