SARONNO – Il Comune di Saronno ha aderito all’iniziativa “Comuni Ciclabili”, promossa dall’associazione Onlus Fiab (la Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta) allo scopo di fare il punto della situazione in termini di mobilità sostenibile in ambito urbano ed extra-urbano. 

L’iniziativa “Comuni Ciclabili” è una sorta di gara virtuosa che individua le città “a misura di ciclista” e quelle con una mobilità quotidiana più sostenibile: ai Comuni che dimostrano di avere i necessari requisiti, Fiab assegna un numero di “Bike Smile” che va da uno a cinque, sulla base dei punteggi ottenuti, ed una bandiera su cui esporre i “Bike Smile” conquistati.

“Abbiamo aderito perché tra i diversi obiettivi che il Comune si propone vi è la promozione e lo sviluppo della mobilità ciclistica e pedonale, per rendere più sostenibile la mobilità stessa e più sicura e vivibile la città – spiega l’assessore alla Mobilità Franco Casali- Il riconoscimento di Comune Ciclabile, che auspichiamo di ottenere, sarà un elemento di stimolo per promuovere la ciclabilità nel territorio comunale e poter valutare ogni anno i progressi effettuati nel corso del mandato amministrativo”.

(in foto: Franco Casali, assessore alla Mobilità)

22032021

5 Commenti

  1. Cercate di ricordarvi anche dei pedoni però, non ne parlate mai ma xono tanti. Anziani, disabili, mamme con passeggino…….

  2. Bene, ora che siamo Fiab dovremo solo completare una ciclabile che tuteli i ciclisti in via Piave, perchè quella esistente inizia alla rotonda della statale e va verso la Colombara manca del primo pezzo, una ciclabile che tuteli i ciclisti da e per Caronno Pertusella, sopratutto pensando all’attraversamento della rotonda Decathlon, rendere sicuro per i ciclisti il sottopasso e tutta la via I maggio, e rendere sicura la via Volonterio e la via Caduti Liberazione e questo sarà solo l’inizio….. ce la faremo a fare almeno una di queste cose ?

  3. Spero che vinciamo la gara così Saronno diventa più ciclabile e meno inquinante. Anche i bambini delle scuole elementare possono andare liberamente senza preoccupazioni che succedono incedenti, perché le auto non devono più viaggiare nelle ore di entrare e uscita scolastica.

Comments are closed.