SARONNO – Anche in Municipio a Saronno hanno trovato applicazione da oggi le nuove norme legate al green pass e all’emergenza Covid. L’Amministrazione si è premunita per tempo con l’acquisto di un lettore di badge e green pass con confronto sull’identità della persona. Il lettore è collegato al termoscanner già in uso per il controllo della temperatura e della mascherina ed è stato allestito all’ingresso del palazzo comunale. L’investimento è stato di 3 mila euro.

Ma non solo. All’interno del Municipio è stato allestito un punto tamponi per i dipendenti con il prezzo calmierato. Come in molte Amministrazioni ci sono dei dipendenti che al momento non sono ancora in possesso del green pass e che in questo modo potranno sottoporsi regolarmente ai necessari tamponi.

A dover esibire il green pass per accedere al Municipio sono i dipendenti comunali, tutti i soggetti che svolgano un attività lavorativa nelle sedi comunali o le
strutture ove si svolgono i servizi pubblici comunali (compresi i volontari, i collaboratori, i tirocinanti, gli amministratori (consiglieri, assessori, componenti commissioni), il personale delle cooperative affidatarie di servizi comunali che svolgono parte della propria attività in strutture municipali).

(foto archivio)

10 Commenti

  1. Tamponi a prezzo calmierato???
    Ma stiamo scherzando?
    Forse c’è ancora la Lega che sta con Salvini (o con Grillo) “tamponi gratuiti”?

  2. Non mi sembra una cosa corretta.
    Cosi non hanno nemmeno lo sbattimento per cercare pisto in farmacia…

  3. Non ho parole, invece di incentivare le vaccinazioni, l’inesistente sindaco di Saronno con tutta la giunta hanno pensato addirittura ad allestire un punto tamponi esclusivo a prezzi calmierati per i soli dipendenti comunali, dopo aver chiuso in tutta fretta in primavera quello pubblico di via Piave, che oggi sarebbe servito ai cittadini (tutti!) asserendo che non serviva più.
    Firmato: un cittadino decisamente indignato.

  4. Notizia FALSA: i dipendenti pagano di tasca loro 15 € per il tampone esattamente come in farmacia; nessun prezzo “calmierato”. Ogni occasione è buona per costruire polemiche sul nulla.

  5. Ciao Sara, forse sarebbe bene da parte tua un controllino in municipio per una verifica circa il tema “TAMPONI” come tu ben sai , nonostante i miei problemi di salute, godo ancora di “immeritata stima” visto i miei trascorsi in quel luogo. Ho fatto 3 telefonate a 3 dipendenti i quali mi hanno riferito che 2 di loro , in attesa di vaccino, fanno il tampone di cui tu parli PAGANDO di tasca propria 15 € come in farmacia. Il 3 invece è in regola con il vaccino e mi conferma che i colleghi che pagano il tampone non godono ne di rimborsi ne di altre agevolazione. Tanto ti dovevo per una buona informazione. Con la solita simpatia ciao e buon lavoro. Luciano

    • Caro Luciano, pensa che ho proprio chiesto notizie in Municipio sulla gestione del green pass in Municipio ma purtroppo nessuno mi ha informato su questo servizio. Del resto io ho scritto che i tamponi sono a prezzo calmierato ossia i 15 euro previsti per legge fino al 31 dicembre 2021. Non c’è scritto da nessuna parte che li paga il Comune. Non sei il primo esponente politico che mi chiede informazioni su questo articolo e sottolineo, come agli altri, che fornire informazioni tempestive e corrette facilita il lavoro di tutti. Prima omettere e poi sollevare critiche pretestuose non credo rientri nella buona informazione. Un caro saluto Sara

  6. Perché i dipendenti comunali possono avere un punto tamponi dedicato e non organizzarsi come fanno tutti i cristiani (non vaccinati) in maniera autonoma prenotando in farmacia?

Comments are closed.