LIMBIATE – “Nel consiglio comunale del 5 novembre, il nostro consigliere e capogruppo Mario De Giorgio anticipò ai presenti la nostra intenzione di proporre, tramite una mozione, l’istituzione di una commissione antimafia a Limbiate. Abbiamo apprezzato la risposta dell’amministrazione al nostro invito, inserendo la nostra proposta all’ordine del giorno nel successivo consiglio comunale”. Così il Movimento 5 stelle di Limbiate.

Il cui comunicato prosegue:

Riteniamo però che l’istituzione di una commissione antimafia debba essere innanzitutto regolamentata e poi successivamente istituita andando a nominare i membri che la costituiranno. Proprio per questo abbiamo chiesto, come gruppi di minoranza, di rimandare il punto e rimetterlo in votazione dopo che il regolamento, che ne indicherà compiti e linee di indirizzo, sarà redatto e approvato da questo consiglio. Richiesta approvata dal consiglio comunale.

Ma di cosa si occupa generalmente una commissione antimafia?

Lo scopo primario che deve sostanzialmente avere tale commissione è quello di dare un indirizzo alla giunta sui temi legati al contrasto del fenomeno mafioso e della corruzione, alla diffusione della cultura della legalità, attraverso lo svolgimento di attività quali il monitoraggio dell’infiltrazione mafiosa sul territorio, la verifica dell’adeguatezza delle iniziative per contrastare i fenomeni criminali, l’analisi delle modalità di difesa del sistema degli appalti e delle opere pubbliche dai condizionamenti della criminalità organizzata.

La commissione antimafia oltretutto può proporre progetti, relazioni, eventi e strumenti per contrastare la criminalità organizzata.

Questi sono alcuni dei compiti che deve avere una commissione antimafia e per la quale, auspichiamo, se ne discuterà nella prossima commissione statuto.

(foto archivio: gruppo di attivisti dei 5 stelle di Limbiate)

01122021