SARONNO – Hanno scelto uno dei punti di maggior passaggio per gli studenti del polo scolastico saronnesi gli autori dei graffiti contro la tragedia che ha avuto come protagonista Lorenzo Parelli il giovane morto schiacciato da una putrella all’ultimo giorno di uno stage di alternanza scuola lavoro.

Forte il riferimento ai fatti di Castions di Strada in provincia di Udine del blitz realizzato nottetempo a Saronno. Con vernice rossa e blu e caratteri cubitali sono stati scritti slogan come “Lorenzo morto sfruttato sul lavoro”, “Ricorda i responsabili” e “Alternanza scuolalavoro=schiavitù”.

A fare da sfondo ai graffiti il muro esterno del parco dell’ex Seminario già usato in passato dagli anarchici per diversi graffiti. Al momento non risultano però firme o rivendicazioni.

Ieri all’ex Cantoni invece il blitz di scritte contro il green pass, gli sfratti, il carovita e il presidente Draghi.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram de ilSaronno.
Per Whatsapp aggiungere il numero + 39 3202734048 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio “notizie on”
Per Telegram cercare il canale @ilsaronnobn o cliccare su https://t.me/ilsaronnobn

6 Commenti

  1. Graffito più che giusto! Sono un uomo di 40 anni e di tirocini , stage e similari non si può ne vivere ne morire. Concordo appieno con queste manifestazioni finalmente estromesse da un concetto politico e realmente a vantaggio del futuro dei nostri giovani. Troppe volte quella che dovrebbe essere una esperienza formativa diventa solamente un modo facile per non pagare due braccia in più. Lorenzo è l’esempio che non volevamo , ma che purtroppo sarà da “faro” nel disciplinare queste “nuove” forme di sfruttamento.

  2. Errata corrige
    “Saronno, maxi graffiti abusivi”
    “gli autori dei graffiti abusivi”
    Un plauso invece per dettagliarci con quali colori sono stati scritti

  3. Adesso dategli giù con i soliti commenti, sporcano i muri e noi paghiamo e bla bla….quando cisono ragazzi come questo Lorenzo che hanno pagato più di tutti.

    Ci sono molti modi di manifestare il proprio dissenso, manifestazioni di piazza, rompere e spaccare, drogarsi o scrivere sui muri.

    Suggerirei all’amministrazione di costruire un grande muro e lasciarlo Libero alla gestione di tutti per poterci scrivere quello che si vuole senza censurare nulla.

  4. ma li vogliamo fermare questi imbrattatori sporcaccioni che non sono altro??? Basta insomma c’è Saronno che sembra il Bronx !!!

  5. Compagni anarchici, molti anni fa il Leoncavallo faceva concerti a Saronno in memoria di Fausto e iaio. Potete dedicare uno dei vs prossimi concerti notturni a questo povero ragazzo morto

Comments are closed.