L’associazione ha celebrato ieri il compleanno da Limbiate. Ma è da anni una presenza fissa anche a Saronno

LIMBIATE – Ha spento ieri 56 candeline la Croce D’Argento di Limbiate, associazione voluta da Don Ferdinando Longoni per offrire alla città un servizio di pronto soccorso e di assistenza sanitaria senza scopo di lucro. E che è ben conosciuta anche a Saronno, per il lungo servizio svolto dapprima dalla sede all’interno dell’ospedale e poi dai nuovi spazi di Casa di Marta.

Ma restia a Limbiate. A nome della città, sono arrivati gli auguri dell’Amministrazione comunale, che un paio d’anni fa ha supportato l’associazione favorendo l’occupazione, mediane una convenzione provinciale, dei locali della portineria dell’ex Antonini, a Mombello. La Croce d’Argento ha così trasformato l’edificio abbandonato da anni nella sua nuova sede, dotata di reception, stanze per la notte, bagni, un’ala cucina e soggiorno, uffici, e un piano sotterraneo con un’aula per i corsi di aggiornamento, uno spogliatoio, uffici e archivio, un magazzino. Grazie allo spazio esterno, anche i mezzi hanno potuto trovare comodo riparo.

Ora però servono volontari, visti i tanti servizi – anche di trasporto di pazienti che necessitano di cure ospedaliere in day hospital, di trasporto di disabili e anziani – che l’associazione garantisce ogni settimana: da qui, il lancio di un corso di formazione per addetto al trasporto sanitario semplice, accompagnatore disabili, centralinista oppure soccorritore esecutore, corso che verrà presentato sabato 5 febbraio, alle 15, al centro civico di piazza Aldo Moro. Le iscrizioni sono aperte sino al 18 febbraio presso la sede di via Monte Grappa.

04022022