Home ilGro Alpini, Cecchetti (Lega): “Chi ha sbagliato, paghi. Ma sosteniamo il glorioso Corpo”

Alpini, Cecchetti (Lega): “Chi ha sbagliato, paghi. Ma sosteniamo il glorioso Corpo”

162
2

MILANO – “Facendo la doverosa premessa che chi commette un reato odioso come molestare una donna deve risponderne sempre davanti alla giustizia, e su questo non si discute, e ricordando che le responsabilità penali sono individuali, dopo aver fatto questa premessa annunciamo che la Lega presenterà in tutti i consigli comunali lombardi una mozione a sostegno del glorioso corpo degli Alpini, un pezzo di storia del nostro territorio e di ognuno di noi”. Lo dichiara Fabrizio Cecchetti, vice capogruppo della Lega alla Camera dei Deputati e coordinatore della Lega Lombarda per Salvini Premier.

Prosegue l’onorevole: “Auspichiamo che chi ha sbagliato venga individuato e sanzionato, ma le colpe di alcuni singoli non possono infangare la storia di un corpo di cui ogni italiano può solo essere orgoglioso: gli Alpini sono una risorsa anche in tempo di pace, con il loro lavoro incessante durante le emergenze ambientali, durante la pandemia e in tante altre occasioni sotto gli occhi di tutti. Per questo in ogni consiglio comunale della Lombardia presentiamo una mozione per impegnare la Giunta ad esprimere la propria vicinanza all’Associazione nazionale Alpini riconoscendone la valenza sociale, culturale, popolare ed identitaria; valutare l’opportunità di individuare un luogo pubblico, ove non sia già presente, nella propria città da intitolare o dedicare alla memoria e al sacrificio degli Alpini caduti per la Patria; e partecipare con un proprio rappresentante all’annuale adunata dell’Associazione dando della manifestazione adeguata promozione sul proprio territorio”.

17052022

2 Commenti

  1. Dov’era il servizio d’ordine? Ste cose non devono essere permesse. Punto.

  2. Nessuno lo mette in discussione, speriamo però che nessuno voglia metterci il cappello politico su un corpo che politico non lo mai stato … E a naso la lega lo sta facendo

Comments are closed.