Gli orsacchiotti malati da curare conquistano i bimbi saronnesi

SARONNO – Una zampa da ingessare, il prelievo del sangue da fare, un occhio fasciato da controllare: sono alcune delle “cure” che i bimbi saronnesi hanno prestato questa mattina nello stand allestito in piazza Libertà dal Rotary Club Saronno in collaborazione con il Rotaract Saronno, la Croce Rossa Italiana e le crocerossine di Saronno.

Il progetto, nato da un’idea congiunta delle associazioni Emsa (European Medical Students’ Association) e Ifmsa (International Federation of Medical Students’ Association), ha lo scopo di far familiarizzare i bambini sani con l’ambiente ospedaliero così da ridurre i loro livelli di ansia e di stress.
“Il terrore del medico e della puntura – spiegano gli organizzatori – fanno vivere ai bambini nel peggiore dei modi un normale e tranquillo momento di controllo e prevenzione”. Il progetto “Teddy Bear Hospital” nasce con questo obiettivo: si dona ai bambini sani un orsetto di peluche e si dice loro che il nuovo amico di pezza è ammalato. Con l’aiuto dei medici, tra prelievi e visite, gli orsetti-pazienti, grazie anche all’intervento dei bambini, vengono guariti.

Nella prima mezz’ora sono stati oltre una ventina gli orsetti affidati a piccoli saronnesi che salendo sull’ambulanza, facendo fasciature, controllando le lastre e soprattutto facendo tante tante coccole hanno curato i pelouche fino ad ottenere per loro il certificato di guarigione. Per i genitori tante informazioni utili sulla prevenzione.

“Direi che l’accoglienza è stata ottima – spiegano Alberto Aceti e Paola Conti del Rotary – tanti ragazzi del Rotaract, tanta entusiasmo anche da parte dei volontari della Croce Rossa e delle crocerossine ma soprattutto tanta partecipazione dei bimbi che si prendono davvero a cuore le condizione degli orsetti e li curano con dedizione”.

18032017

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.