UBOLDO – “Basta! Sono stanco di farmi prendere in giro. La commissione consiliare per l’elaborazione e la gestione del Regolamento del consiglio comunale e per l’elaborazione delle modifiche allo Statuto comunale è solo una barzelletta”. Così il capogruppo della lista d’opposizione Per Uboldo, Alessandro Colombo.

“Non sono più disposto a farmi prendere in giro da questa Amministrazione comunale. Per questo motivo mi dimetto dalla commissione e invito anche gli altri rappresentanti delle opposizioni a fare lo stesso. Sono trascorsi oltre due mesi dall’ultima convocazione e sulla commissione è calato il silenzio più assoluto. Così come era già avvenuto in precedenza, da inizio luglio a metà novembre 2017, anche ora dopo l’ultima convocazione del mese di novembre tutto sembra essere svanito – riepiloga Colombo – Attenzione. Che fosse una commissione costituita solo per dare alle opposizioni “un contentino” lo avevamo capito fin dall’inizio. Basti pensare che la prima riunione della commissione, istituita su richiesta delle opposizioni, era stata convocata sabato 15 aprile 2017, vigilia di Pasqua alle ore 12! E già lì “puzzava” molto di presa per i fondelli. Comunque noi dell’opposizione ci abbiamo creduto perché ritenevamo, e riteniamo tutt’ora, che sia necessario mettere mano al Regolamento del consiglio comunale e allo Statuto comunale. Due documenti di grande importanza che stabiliscono le regole di funzionamento del Comune”.

Ancora Colombo: “Ma a questa Amministrazione le regole non interessano. Non sono mai interessate e continuano a non interessare. D’altra parte basti pensare che, sebbene la commissione sia composta da 9 consiglieri (cinque di maggioranza e quattro di opposizione), due o tre consiglieri di maggioranza non si sono mai presentati! Alla maggioranza interessava solamente inserire nello Statuto l’articolo sulla possibilità di dare deleghe consiliari così da sanare la situazione di illegittimità nella quale agiscono gli attuali consiglieri delegati. A noi dell’opposizione invece le regole interessano eccome. E, infatti, noi abbiamo sempre partecipato alle riunioni della commissione e abbiamo dato un contributo sostanzioso per modificare il Regolamento del consiglio comunale, perché a questo siamo fermi… dopo quasi un anno. Ricordo alla prima riunione, maggio 2017, quando i consiglieri di maggioranza prevedevano di terminare il lavoro (di modifica del Regolamento del consiglio comunale e dello Statuto comunale, prima dell’estate. Un’altra barzelletta! Purtroppo va anche detto che le nostre modifiche e integrazioni al testo presentate nelle riunioni di maggio, giugno e luglio e discusse con quel che c’era della maggioranza, sono state improvvisamente bocciate dalla Giunta a novembre… Dopo oltre quattro mesi”.

Conclude il consigliere: “Certo nessuno pretende che tutti si sia d’accordo su tutto, ma vorremmo capire cosa ci stanno a fare i due, qualche volta tre, consiglieri di maggioranza nella commissione se non hanno alcun potere decisionale e devono sempre rimettersi alla Giunta. O meglio al sindaco Lorenzo Guzzetti ed al segretario. Dunque, dico basta. Non sono più disponibile a farmi prendere in giro da gente che se ne frega altamente delle regole. La commissione se la facciano loro”.

31012018

1 COMMENTO

Comments are closed.