SARONNO – Hanno svuotato tre estintori a polvere nella prima carrozza del treno che procedeva da Varese a Milano costringendo il macchinista a bloccare il convoglio in mezzo ai campi. E’ la bravata di 4 ragazzi che è costato ad una trentina di viaggiatori un ritardo di oltre mezz’ora e a Trenord l’ingente spesa per la pulizia del intero vagone.

E’ successo l’altra notte alle porte di Saronno su un treno partito alle 22 da Varese. I ragazzi, un 16enne e un 17enne di Saronno, un 27enne di Turate e un 22enne di Mozzate tutti di origine marocchina e con problemi con la legge alle spalle, sono saliti tutti insieme ed hanno risalito il convoglio, passando di vagone in vagone, fino alla prima carrozza. Qui hanno preso tre estintori, recuperati nella “passeggiata”, e li hanno svuotati completamente. In pochi minuti una nuvola di polvere ha invaso il vagone. Prima che la visibilità fosse completamente compromessa però, il macchinista è riuscito a vedere, dalla sua postazione, i vandali all’opera ed ha dato l’allarme. Il convoglio è stato fermato in mezzo ai campi con le porte chiuse. I carabinieri sono entrati dalla testa del treno e percorrendolo tutto hanno presto, grazie alla dettagliata del macchinista, identificato gli autori della bravata che si erano nascosti al piano superiore dell’ultimo vagone.

Sono stati tutti scortati al comando di via Manzoni, identificati e denunciati a piede libero per danneggiamenti e interruzione di pubblico servizio. Dopo aver aerato il vagone il treno ha ripreso la sua corsa arrivando al capolinea con oltre mezz’ora di ritardo e proteste da parte dei viaggiatori. Se saranno riconosciuti colpevoli i quattro ragazzi potranno essere chiamati a risarcire Trenord per i danni provocati dalla loro bravata. Un gesto per il quale non hanno fornito nessuna spiegazione o motivazione.