cascina paiosa parco luraSARONNO – La fondazione Cariplo finanzia l’ampliamento del parco del Lura nelle vicinanze della cascina Paiosa con 209mila. E’ questo il risultato, ottenuto in in un momento in cui è sempre più difficile reperire fondi per le pubbliche amministrazioni, che riempe di orgoglio il presidente della commissione Lura Alberto Paleardi uno dei maggiori fautori del risultato.

“E’ stato entusiasmante – commenta Paleardi- recarsi alla Fondazione Cariplo a spiegare le nostre idee, le nostre necessità e trovarci di fronte persone che le apprezzavano in una unità di intenti: migliorare lo stato ecologico di Saronno. Al termine della riunione ero fiducioso di ottenere un finanziamento che stimavamo essere di 80 mila euro. Devo dire che sono rimasto particolarmente sorpreso di aver ottenuto più del doppio, praticamente il finanziamento dell’intero progetto. Completa la soddisfazione la consapevolezza che Saronno è il comune che ha ottenuto il contributo maggiore rispetto a tutti le altre realtà che hanno partecipato al bando

Ma che cosa si farà concretamente nell’ area? “Tanti interventi concreti- continua Paleardi – per prima cosa si acquisteranno dei terreni per aumentare il parco, si realizzerà un’area attrezzata per il pic nic e molto altro. Il tutto in un progetto partecipato che vedrà impegnata le commissione consiliare Lura con il coinvolgimento dei cittadini per rendere concrete le idee che tanto sono piaciute alla Fondazione Cariplo. Tutto il procedimento con il completamento delle opere terminerà entro il 2015”.

04012013

30 Commenti

  1. nel 2011

    Un primo passo per riqualificare la cascina Paiosa e trasformarla nella “porta” saronnese per il Parco del Lura. Nei giorni scorsi è infatti giunta all’amministrazione comunale la comunicazione dalla fondazione Cariplo per il contributo di 40mila euro per la sistemazione dell’area della cascina. «Certo, non è una cifra che ci permette di sistemare tutto, ma almeno di iniziare – commenta il sindaco Luciano Porro -. Con il tempo vorremmo che quell’area diventasse una sorta di porta per entrare nel parco, con diversi servizi, come uffici, spogliatoi, uno spazio espositivo sul parco, un punto ristoro e molto altro».
    «Questo contributo – aggiunge il primo cittadino – ci consente di avviare le procedure per il recupero della struttura. Questo vuol dire far partire il progetto. È uno dieci progetti che era presente nel programma elettorale e lo vogliamo rispettare. Anzi, lanciamo un appello a qualche associazione: se qualcuno volesse pensare di gestire quello spazio una volta ristrutturato, ci faccia sapere».

  2. Pensate prima a mantenere in ordine i parchi cittadini , scusate ma la cosa di acquistare terreni non mi è chiara.

      • Allora l’ente lura può donare questi soldi al comune per mantenere in ordine i parchi comunali.

    • Basta lamentarsi, servono contributi utili! Proponi anche tu delle idee su come utilizzare al meglio questi 209.000 euro destinati dalla Cariplo per l’ampliamento del Parco del Lura.

      • Anonimo hai trovato un nikname? Complimenti per la fantasia , non sono l’unico che su lamenta qui.

    • Nei progetti di miglioramento ambientale o di espansione di parchi naturali, spesso per la realizzazione delle opere effettive (rimboschimenti, piste ciclabili, aree attrezzate) si procede all’acquisizione di porzioni di terreno per realizzare le opere previste nel progetto in esame. Facciamo un esempio di un rimboschimento, non sempre il proprietario del terreno è disponibile, con l’acquisizione si possono fare tutte quelle opere di miglioramento ambientale previste nei progetti. Fondazione Cariplo ha finanziato e finanzia molti progetti a carattere ambientali davvero lodevoli, perciò se è stato scelto vuol dire che la base è buona, ora bisognerà metterlo in pratica.
      Qui si tratta di progetti più ampi, che prevedono l’ampliamento dei corridori ecologici e delle aree verdi interurbane, come l’attuale Parco del Lura, per cui l’assegnazione di questo finanziamento è davvero un’ottima cosa.

        • La partecipazione ai bandi come quello di Fondazione Cariplo è aperta e enti pubblici, potrebbe essere che l’amministrazione ha partecipato da sola, oppure ha partecipato in collaborazione con l’ente parco Lura. Le consiglio di consultare il sito di Fondazione Cariplo per capire cosa sono i bandi e come funzionano. Se un bando viene assegnato, significa che il progetto presentato è valido per la commissione che l’ha giudicato. Ci sono anche bandi provinciali, ad esempio.

        • Infatti nessuno vuole decidere da solo. C’era un bando, e’ stato presentato un progetto che ha vinto, ora bisogna impiegare al meglio le risorse ottenute per quello scopo.

  3. E’ sicuramente positivo ipotizzare di avere a disposizione finanziamenti “esterni”, ma è indispensabile utilizzarli al meglio.
    Mi è noto che il Piano del recupero della zona della Paiosa sia stato bocciato, o quanto meno sospeso, dalla commissione territorio di oltre un anno fa. Da quel momento non se ne è saputo più niente.
    Credo sia opportuno prima di mettere mano a un intervento importante, presentare alla città un progetto che sia condivisibile. Aspettiamo perciò che qualcuno si degni di usare il termine partecipazione finalmente in modo reale.

    • non sperare in questa amministrazione il pd come il pdl non hanno minimamente idea di cosa sia la politica partecipata… loro vogliono solo quella rappresentativa.

  4. contrario alla ristrutturazione di un edificio (cascina lombarda è ben altra cosa) ormai in decomposizione……. favorevole ad un incontro pubblico dove mostrare progetti e non ipotesi
    i soldi che arrivano anche se inaspettati per etica debbono essere spesi bene
    poi dove è l’assessore che spiega cosa si vuol fare
    quanto dichiarato nell’articolo è talmente fumoso da far capire che c’è ancora tutto da fare

  5. Ottimo lavoro Alberto, 209 è proprio un bel numero considerati i tempi – attento però che questo gruzzolo può far gola ad altri nell’ambito dell’amministrazione comunale per progetti di loro competenza- occhio alla trappola dei consulenti che prima di passare alla fase realizzativa scarnificano il gruzzolo – consigli a parte sono certo che molti cittadini ( dei 100 che si occupano dei destini di Saronno senza interessi privati ) si metteranno al servizio di questo progetto, Lursidi inclusi

  6. Avessero ottenuto questo finanziamento la Comi o Silighini l’annuncio sarebbe stato dato in pompa magna con tanto di squilli di tromba.
    Rosiconi!

    • beh mi sembra giusto comunicare con la popolazione lavorativa che magari non ha 12 ore per stare dietro alla politica

      • haha infatti almeno qualcuno lo fa sui fatti o sulle incompetenze a mio parere riscontrate.. tiè lo fa su ipotesi e dando appellativi..

        • La mia era solo una considerazione personale, non una supposizione nè tantomeno una critica. A qualcuno questa notizia dà fastidio.

  7. direi un’ottima cosa questa fondi, un bravo ad Alberto!
    c’è solo l’aspetto dell’area pic-nic che non mi torna appieno: se ho capito bene dovrebbe sorgere nei campi tra la cascina Paiosa e il Cimitero… che avrà sicuramente e giustamente una ‘zona di rispetto’… a ridosso ci si costruirebbe l’area pic-nic? boh…
    spero in un percorso di vera partecipazione e per vera intendo non come quella finzione riguardante il PGT.

Comments are closed.