martiri foibeCERIANO LAGHETTO – E’ stato inaugurato a Ceriano Laghetto il piazzale “Martiri delle Foibe”, alla presenza dei rappresentanti delle forze armate, degli Alpini e delle associazioni cerianesi, l’area a parcheggio di via Volta angolo via Caimi, all’ingresso del parco pubblico “Il Giardinone”.

Un evento al quale hanno partecipato anche Romano Cramer, segretario dell’associazione culturale “Movimento nazionale Istria Fiume Dalmazia”, Guido Brazzoduro, “sindaco in esilio del libero comune di Fiume” e Tito Lucillio Sidari, “vicesindaco del libero comune di Pola”.

Il sindaco di Ceriano Laghetto, Dante Cattaneo, ha introdotto la celebrazione ricordando ai presenti che con l’intitolazione della piazza “ricordiamo diverse migliaia di cittadini italiani che furono uccisi, disarmati, al di fuori delle pur crudeli regole della guerra, solo per il fatto di essere italiani. Uccisi in modo disumano col preciso scopo di cancellarne anche solo il ricordo, sperando di seppellirlo per sempre nelle profonde e insenature della terra, le foibe appunto”. Dopo gli interventi degli ospiti, c’è stato il momento solenne della scopertura della targa eseguita dal sindaco Cattaneo, affiancato dal sindaco dei ragazzi Gabriele Meroni, a cui ha fatto seguito la benedizione impartita dal parroco don Eugenio Vignati. Un particolare pensiero è stato rivolto, tra le tante vittime delle foibe, anche al cerianese Umberto Campi.

270214