UBOLDO – “Uboldo civica apprende con soddisfazione l’organizzazione del servizio di consegna pasti a domicilio, iniziativa che venne da noi ideata 11 anni fa, nel 2003. Allora il servizio non prese avvio perché ci furono solo due adesioni. Ora, a distanza di 11 anni, dopo che tante altre Amministrazioni comunali lo hanno istituito e dopo aver ricevuto alcune segnalazioni, siamo certi che molti più concittadini chiederanno di poterne usufruire”.

Lo si legge in un comunicato emesso dalla lista Uboldo civica a margine del consiglio comunale di ieri sera.

Non vogliamo pensare che l’assessore Galli abbia organizzato il servizio di consegna pasti a domicilio solo per l’imminenza della competizione elettorale; vogliamo invece pensare che, per il bene degli uboldesi, forse per la prima volta, abbia voluto recepire una buona idea degli avversari politici. Uboldo Civica, ovviamente, esprime un voto favorevole.

Su richiesta, dunque, le persone con problemi di mobilità o disabilità, o malattia potranno ricevere direttamente a casa un pasta caldo.

040314