CISLAGO – Una nomade andava a chiedere l’elemosina con il figlioletto: i carabinieri l’hanno bloccata e denunciata per avere “sfruttato” il ragazzino per impietosire i passanti.

saronno carabinieri piazza santuario (1)

L’intervento delle forze dell’ordine ha avuto luogo nel pomeriggio dell’altro giorno nella zona centrale di Cislago, dove da qualche tempo era segnalata la presenza della giovane donne con il bambino. I militari del locale comando hanno predisposto un servizio di controllo e quando li hanno trovati, sono immediatamente intervenuti. La donna, che ha 26 anni ed in tasca un passaporto della Romania, ha detto di abitare nel campo nomadi di Quarto Oggiaro vicino a Milano, il bimbo ha 13 anni, anche se ne dimostra anche meno. La zingara è stata diffidata dal proseguire la sua attività di mendicante, soprattutto portandosi appresso il figlio. Il quale, per il momento, è stato riaffidato alla madre, che d’altra parte se non cambierà “registro” rischia di vederselo portare via, per un eventuale trasferimento in un centro d’accoglienza minorile.

200314