SARONNO – A due anni dal debutto torna a Saronno, al teatro Regina Pacis l’eroico spadaccino Cirano, messo in scena dalla compagnia saronnese FuoriScena.

Questa volta per una buona causa, lo spettacolo è stato programmato all’interno delle “Giornate della Salute Mentale” e il ricavato della serata andrà ad As.V.A.P.4, l’associazione di familiari e volontari sensibili al problema della sofferenza psichica, che dal 1994 opera in stretta collaborazione con il personale dell’Unità di Psichiatria dell’Ospedale di Saronno. Principale obiettivo dell’Associazione è quello di abbattere i pregiudizi e la ghettizzazione nei confronti dei malati mentali, oltre a supportare le persone con disagio e i loro familiari.

Questa sera sabato 8 ottobre alle 21 Cirano di Bergerac, spettacolo liberamente tratto dall’opera di Edmond Rostand, sarà portato in scena da Ivana Basaric, Guido Bernasconi, Serena Bertolini, Marta Bulleri, Marco Fontana, Maurizio Gallus, Lucia Ganzer, Francesca Leardini, Giorgia Rigotti, Silvia Sozzi, Moreno Zanardo.
Regia di Guido Bernasconi e Giorgia Rigotti e musiche originali eseguite dal vivo da Marco Castelli.

“A 10 anni dalla nostra nascita abbiamo preso un testo un po’ insolito per noi, ricco di poesia e belle parole, un testo da più di trenta personaggi. Lo abbiamo masticato, assaporato, ingurgitato, a tratti vomitato, sminuzzato, fatto a pezzi e ricucito su noi dieci.
Cirano, una delle più toccanti storie d’amore mai raccontate. Si ride, si piange, si sogna e si cresce con i personaggi. L’eroico e virtuoso guascone Cirano è uno scrittore e poeta, uno spirito nobile intrappolato in un corpo che non rispecchia la sua anima. Famoso per il suo orribile naso Cirano è rassegnato alla sua bruttezza e sa di non poter conquistare la bella Rossana per cui prova da anni un amore non corrisposto. Lei si innamorerà invece di Cristiano, il bel soldato privo però di spirito e di doti poetiche. Tra i tre si instaura un triangolo amoroso che porterà a una conclusione tragica. Oggi più che mai tutti, con i nostri talenti e difetti dovremmo ricercare il Cirano che c’è in noi e desiderare il vero amore, aspirando alla giustizia senza conformarci alla società dei falsi e dei prepotenti.
Siamo sempre più vecchi, forse non è il termine adatto, ma è così. Con figli, famiglia, genitori a cui badare, lavori stressanti e tutto il resto, ma abbiamo ancora delle energie da dedicare alla nostra più grande passione, quella che ci fa tremare ad ogni apertura di sipario e che una volta in scena ci fa emozionare a tal punto da dimenticare tutti i sacrifici e le rinunce fatte.
Prima che una compagnia teatrale, siamo un gruppo di amici che amano condividere emozioni insieme. Emozioni forti.”

Per info o prenotazioni per lo spettacolo tel. 3473722283 | [email protected]
Per informazioni sulla compagnia www.facebook.com/compagniaFuoriScena
[email protected]

08102016