ORIGGIO – E’ stato ritrovato oggi intorno alle 12,15 in zona Monte Legnone il corpo ormai senza vita di Roberto Bernasconi, 42enne residente ad Origgio che risultava disperso dal pomeriggio di sabato. L’uomo si era concesso un’esclusione con alcuni amici. Il terzetto stava scendendo dal versante occidentale del Legnone in prossimità della “Cà de legn” (bivacco Silvestri) quando hanno perso di vista il 42enne. Quando sono arrivati al bivacco e non hanno visto arrivare l’amico ed hanno dato l’allarme. Così intorno alle 15 l’elicottero dei vigili del fuoco ha iniziato a sorvolare la zona proseguendo fino a quando la visibilità lo consentiva. Infruttuose anche le prime ricerche del soccorso alpino: gli uomini della XIX Delegazione Lariana del Cnsas Lombardo hanno setacciato la zona fino a quando le condizioni di sicurezza lo hanno permesso. Si tratta di un punto decisamente pericoloso dove pochi giorni fa era avvenuto un altro incidente.

In mattinata la mobilitazione è ripresa: si sono alzati in volo due mezzi, uno dei vigili del fuoco e uno della Guardia di Finanza, e da terra i volontari hanno ripreso le ricerche. Poco dopo mezzogiorno il ritrovamento della salma.  Secondo una prima ricostruzione Bernasconi  avrebbe preso il sentiero lungo la cresta per raggiungere il bivacco situato a 2000 metri di quota. L’ìpotesi è che sia scivolato per circa 400 metri: la caduta sarebbe terminata con un salto di circa 20 metri.

Bernasconi era nato a Tirano ed abitava ad Origgio dal 2000.

15012017