SARONNO – Michele Scavo, “bandiera” e capitano del Fbc Saronno rinato due stagioni fa, resta in maglia biancoceleste e con i biancocelesti disputerà anche la prossima annata, sempre in Eccellenza.
Parlare di bandiere dopo l’abbandono di Totti e il “caso Donnarumma” è un tasto delicatissimo, ti è venuta voglia di dare un segnale dal basso per far riflettere i più giovani ben più pagati?
Ognuno è libero di fare le scelte che più ritiene giuste… Certo l’aspetto economico è importante e non va sottovalutato però c’è anche l’aspetto emotivo e non tutti ce l’hanno. Io il Fbc Saronno c’è l’ho nel cuore e lotterò dal primo all’ultimo giorno per questa maglia. E sono sicuro che i miei nuovi compagni mi seguiranno. Vincere qui è qualcosa di speciale ed io ho avuto la fortuna di provarlo”.
Obiettivo di stagione tuo, e dove pensi possa arrivare questo Saronno profondamente rinnovato?
Il mio obbiettivo è quello di migliorarmi sempre e fare e far fare gol. Dove può arrivare questo Saronno non lo so, sicuramente stare in alto, poi si vedrà. Noi abbiamo sempre un uomo in più in campo che sono i nostri tifosi che ci seguono sempre e ovunque, speriamo solo di tornare presto a giocare nel nostro stadio! E fino alla fine, come sempre, forza Saronno!
Matteo Romanò
27062017

1 commento

  1. Vedremo …… ma quel Saronno che vinse l’eccellenza sette anni fa era uno squadrone, c’erano soldi e lo stadio…..! poi qualcuno perse le elezioni, e buttò tutto nel cesso. Auguri

Comments are closed.