SARONNO – Nella città degli amaretti il 25 aprile sarà ancora diviso. Ancora una volta il Comune ha annunciato la sua assenza al tradizionale corteo e ha realizzato un programma che gioca d’anticipo e non coinvolge l’Anpi.

Il programma predisposto dall’Amministrazione partirà alle 8,45 con le onoranze ai monumenti a Salvo D’Acquisto, in parco di via Carlo Porta e ai Caduti Saronnesi seguito alle 9.30 dall’alzabandiera in piazza Libertà con i discorsi commemorativi e, tempo permettendo, i sorvoli di ultraleggeri con fumata tricolore.

E’ quindi prevista alle 10 la messa in Prepositurale. Al termine della messa alle 11 partirà il corteo organizzato di Anpi, senza il patrocinio del Comune, che si concluderà in piazza Caduti Saronnesi con l’orazione commemorativa di Giacomo D’Agnolo presidente dell’istituto Pedagogico della Resistenza. In piazza sarà presente anche il comitato antifascista saronnese che ha dato appuntamento a cittadini e simpatizzanti alle 9,30 in piazza Libertà da dove dovrebbe partire un corteo.

(foto archivio)

24042019

13 Commenti

  1. “”il Comune ha annunciato la sua assenza al tradizionale corteo e ha realizzato un programma che gioca d’anticipo e non coinvolge l’Anpi””

    quasi quasi meglio così, chi definisce la celebrazione della Liberazione un derby, è implicito che non ne riesca a capire e condividere il valore trasversale, come se la Libertà e la Democrazia siano valori di parte e NON BENE COMUNE.
    Si godano il “loro” programma, volutamente quasi occultato alle 8.40 di mattina. Un tentativo quasi puerile di salvare le apparenze.

  2. il 25 Aprile, lo vuole diviso, noi cittadini saremmo ben lieti di avere il Sindaco presente in tutte le manifestazioni che si svolgono in città per la festa della Liberazione.

    • ti sbagli chi partecipa deve condividerne gli ideali altrimenti stia a casa

      • Beh si Paolo lo davo x scontato 😉
        Se uno partecipa e” perche’ crede profondamente in quei valori.

  3. Si “festeggia” solo perchè lo dice la legge. Sentimento vero popolare è zero.

    • Questo è un suo parere che non condivido, oggi più che mai c’è voglia di manifestare per ricordare la libertà riconquistata e dare un segnale ai nostalgici del fascismo.

    • Lo dici tu, io so da dove viene la Repubblica è che il 25 Aprile è un esempio è questo da ancora fastidio a tanti

  4. Il 25 aprile non è solo Bella Ciao, ma per rispetto di tutti i civili e militari morti per la libertà, l’INNO DI MAMELI è la sacralità della giornata .

    • Ovvio I Partigiani erano dei piu” svariati orientamenti politici.
      Idem i Politici che qualche anno dopo, hanno deciso di far diventare il 25 Aprile festa della Repubblica.

  5. 👍

    Vedi l’episodio di oggi a Milano
    Vedi qualche giorno fa che hanno bruciato la statua dedicata a una Partigiana..

Comments are closed.