Home Città Teatro, vicepresidente Corrado: “C’è un nuovo Cda da prima di Natale e...

Teatro, vicepresidente Corrado: “C’è un nuovo Cda da prima di Natale e nessuno l’ha detto”

614
8

SARONNO – Riceviamo e pubblichiamo la nota di Italo Corrado ormai ex vicepresidente del cda della Fondazione del teatro Pasta.

Appena prima di Natale, sul Saronno.it, mi ero permesso di elogiare con orgoglio il lavoro svolto da tutta la squadra teatrale capace di ristabilire, ognuno con la propria competenza sul campo, in soli quattro anni, tra le seppur lecite divergenze di lavoro quotidiane, le sorti di un teatro ferito da anni di problematiche e crisi.

Sapendo della contentezza del sindaco rispetto al lavoro svolto dalla squadra, consapevole che lo stesso ne avesse fatto addirittura un fiore all’occhiello del suo mandato, mi ero permesso addirittura di citare la famosa frase, che definivo calzante, ‘Squadra che vince non si cambia’ alludendo alla scadenza del Cda in attesa di nuova nomina! Preciso che, in più di una occasione, come potranno testimoniare le varie comunicazioni, i consiglieri del Cda avevano chiesto al sindaco e al comitato di nomina un confronto sul bilancio (che io non approvai) e per discutere sul futuro dello stabile.

Proprio questa mattina, di contro, ho appreso dal neo presidente (Masciadri bis, unico membro riconfermato) della nomina di un nuovo consiglio di amministrazione effettuato addirittura prima di Natale.

Lecito, per carità, compiere le proprie scelte in libertà assoluta intendiamoci, non sono certo a contestare questo aspetto. Ciò che contesto aspramente è il metodo posto in essere dal comitato di nomina: il tutto è infatti accaduto senza una basilare comunicazione, uno straccio di lettera, una telefonata di semplice e dovuto ringraziamento/e o spiegazione rispetto ai motivi che hanno indotto i responsabili ad effettuare tale scelta.

Questo mi fa davvero male perché denota assoluta mancanza di basilare rispetto e sensibilità. Ma il comitato di nomina si rende conto che per anni, codesto Cda, ci ha messo la faccia per il bene del teatro e di Saronno? Con la differenza, rispetto allo stesso comitato, di averlo fatto anche gratuitamente! Non è questo il trattamento che meritavano i consiglieri.

Possono almeno i cittadini di Saronno sapere chi sono i nuovi signori nominati amministratori del consiglio? Quali siano i profili e i curriculum degli stessi e le ragioni della scelta?

Credo infine che dietro all’aspetto singolare del brutale metodo di congedo, ci sia però sempre un disegno veritiero studiato a tavolino e messo tristemente in atto da chi lo ha compiuto.

Se questo è il metodo posto in essere dall’amministrazione (non lo credo) e dal neo presidente, allora, la mia delusione si tramuta di contro in felicità. Felicità di non essere complice di un simile disegno. E dal quale, senza nemmeno ricevere un semplice grazie, sono stato sollevato a causa della mia buona fede ingenua. Complimenti!

Saluto e ringrazio il pubblico di Saronno, i dipendenti, la direzione artistica a cui chiedo la gentilezza di esprimersi sulla sua posizione.

08012020

8 Commenti

  1. La solita figuraccia di una giunta penosa e opaca il cui slogan è “prima gli affari nostri”. Vergogna !

  2. I Fagioli fanno quello che vogliono, si sentono forti, ma a giugno prenderanno un bel benservito: a casa, questi fanno solo danni!

  3. Non c’è da meravigliarsi, anche questo fa parte della “TRASPARENZA” cui si ispira l’amministrazione leghista. La mia solidarietà all’ex vicepresidente. Quando si prende un calcio nel posteriore si amerebbe almeno sapere chi te lo dà e perché.

    • Penso che la decisione di non rinnovare la sua vice presidenza all’ interno del CDA sia un grande errore.L’ ideatore di questa decisione è sicuramente una persona frivola e indelicata per non aver compreso l’ importanza che ha il coinvolgimento di persone all’ altezza come Corrado . Ma forse il Sig. Corrado è andato ” oltre “ , proprio come titolava la sua mostra di pittura qualche anno fa nello stesso (vostro) teatro Giuditta Pasta di Saronno.

  4. Con rammarico leggo sul quotidiano La Prealpina in merito alle vicende relative al teatro Giuditta Pasta. Le contestazioni del signor Italo Corrado mi sembrano molto corrette e disapprovo la sua esclusione dal CdA senza alcuna motivazione. A mio modesto parere il bilancio di questo quadriennio è stato largamente positivo quindi ritengo che il signor Corrado sia stato un membro senza dubbio corretto ed efficiente.
    Margherita Mellai

  5. Sono veramente dispiaciuto del vostro comportamento per aver escluso il signor Italo Corrado che è un vero signore, sia per la sua correttezza e onestà, sia nel svolgere il suo ruolo all’interno del CdA

  6. Io sono abbonato a tre rassegne da quando il teatro ha aperto e non ho mai visto nessuno dello scorso CdA frequentare la sala cittadina. Verifichiamo la correttezza delle dichiarazioni di parte.
    E poi se un CdA scade, esisterà la libertà di nominare altre persone per dare input diversi da quelli precedenti ?!?!

Comments are closed.