SARONNO – “Nonostante le proteste animaliste e la legge sui diritti degli Animali puntualmente calpestata, nonostante un ragazzo di 20 anni sia rimasto paralizzato, alla sagra di Saronno verranno esposti Animali (le gabbie sono state già piazzate nell’area della chiesetta) e fatti sfilare al corteo storico. Se il sindaco Fagioli e compari volevano farci irritare, ci sono riusciti”.

Inizia così la nota inviata dal gruppo 100 per cento animalisti: “Ci viene male solo a pensare che galline, conigli, pecore, agnellini, mucche, asini verranno esposti al ludibrio di babbei chi affolleranno l’area, i poveri animali subiranno urla, musica ad altissimo volume e altro ancora. Ovviamente i controlli dell’autorità competente sono e saranno inesistenti come gli anni precedenti, eppure la legge esiste ma a Saronno non viene mai applicata. Per gli animali esposti e che sfileranno sarà un calvario, la faccenda si aggrava se pensiamo che il Santo festeggiato da vivo proteggeva gli Animali”.

E continuano: “Come già annunciato domenica 12 gennaio i militanti del Movimento Centopercentoanimalisti e del Fronte Animalista saranno presenti a Saronno, assumendosi la responsabilità delle proprie azioni, lo ribadiamo senza problemi, senza giri di parole. Se provochi la pioggia, il fango va messo in conto, a buon sindaco e compari poche parole. Infine, i figuranti con l’archibugio non si azzardino a sparare a salve vicino agli animali, dopo non dicano che non sono stati avvisati”.

(foto archivio)

10012020

10 Commenti

  1. Volete protestare, OK, ma evitate urla e offese, altrimenti passate dalla parte del torto.
    Visto anche ciò che è successo l’anno scorso, mi auguro ci sia maggiore attenzione per gli animali, sia per loro, sia per i partecipanti.

  2. io mi chiedo perché programmare i fuochi d’artificio. Oltre all’ulteriore inquinamento (visto già il falò di settimana prossima) in un momento di pessima qualità dell’aria, i botti non aiutano certo gli animali. Sempre pensando al fatto che stiamo festeggiando un Santo che proteggeva gli animali.

Comments are closed.