SARONNO – Il Comune ha dato il via libera, dove possibile, a posizionare i tavolini anche all’esterno, i ristoranti saronnesi e del Saronnese con la Fase 2 dell’emergenza coronavirus si sono organizzati e stanno tutti rispettando le nuove regole sanitarie, per personale e clienti, partendo dal distanziamento alle mascherine in uso ai camerieri. C’è più gente in giro, anche se non ancora ai livello pre-emergenza sanitaria.

Giovanni Di Luccio del ristorante che propone la cucina dell’Uruguay sull’ex Varesina a Origgio, “El Primero”, nei giorni scorsi ha raccontato la sua esperienza a ilSaronno: “In realtà noi non ci eravamo mai fermati, proponendo le consegne a domicilio. Per la riapertura ci siamo subito attrezzati, col gel per le mani e quant’altro di necessario. Abbiamo riaperto al 100 per cento; colazione, pranzo e cena!”

Andrea Sozzi è il titolare dello Scibui di via Sampietro a Saronno: “Giò prima di riaprire avevamo sanificato tutto con l’ozono. Abbiamo messo delle barriere di vetro, per tenere i contatti umani. Abbiamo distanziato, e preso le misure”.

29052020