CARONNO PERTUSELLA – La morte di Stefano Marinoni dopo un anno resta un mistero: la procura, all’esito dell’autopsia, ha aperto una inchiesta per omicidio, ma a carico di ignoti. Marinoni, 22enne elettricista che lavorava in una ditta di Caronno Pertusella e che abitava a Baranzate, era scomparso la sera del 4 luglio 2019, uscito di casa con la sua Smart per andare da amici di lui non si era saputo più niente per otto giorno quando era stato trovato ormai cadavere ai piedi di un traliccio dell’alta tensione nelle campagne fra Arese e Rho; la sua vettura era stata rinvenuta in una strada delle vicinanze, regolarmente parcheggiata.

Un gesto autolesionistico? L’autopsia ha fatto invece riferimento alla presenza di ferite dovuto ad un’arma da taglio, era stato insomma accoltellato. Una vicenda sulla quale proseguono le indagini dei carabinieri.

(foto archivio: Stefano Marinoni con la sua Smart bianca, dopo un anno non si sa ancora di preciso cosa sia successo)

10072020