LIMBIATE – E’ stato un lavoro certosino e di grande perseveranza quello che ha visto per ben dieci giorni impegnato un agente della polizia locale di Limbiate, che è riuscito a risalire all’uomo che, dopo l’incidente, si era dileguato.

I fatti risalgono al 27 novembre scorso, quando, verso le 15.30, all’intersezione tra via Marconi e corso Milano si è registrato un sinistro che ha visto coinvolti una Citroën C4 condotta da una donna in stato di gravidanza, residente a Cinisello Balsamo, e un autocarro proveniente da corso Milano e diretto a Senago. L’autocarro, dopo aver urtato il veicolo, non si era fermato ed aveva abbandonato il luogo dell’incidente in tutta fretta.
Scattavano quindi subito le indagini: la testimone al volante della Citroen – che riportava solo lievi ferite – ricordava che l’autocarro era di colore rosso, ma, nonostante la presa visione dei sistemi di videosorveglianza presenti in loco, si riuscivano a malapena ad intravedere poche lettere della targa del veicolo fuggito.
L’agente incaricato dell’indagine non si è però dato per vinto e, dopo più di una settimana di intenso lavoro (anche nei giorni festivi) da alcuni particolare dell’autocarro (loghi e adesivi), utilizzando software che hanno permesso di estrapolare le immagini e dopo una verifica di tutti i transiti sotto i varchi del comune di Limbiate, è stato individuato l’autocarro e, di conseguenza, anche il conducente. Quest’ultimo, convocato presso il comando di piazza Cinque Giornate, ha ammesso le sue responsabilità ed è stato quindi sanzionato per omissione di soccorso (con danni limitati a cose).
08122020
(nella foto: la pattuglia della polizia locale sul luogo dell’incidente)