BLEVIO – A Blevio riaperta la “casa” di Giuditta Pasta, la saronnese che era la star della musica lirica dell’ottocento. “Il resort riaprirà il 15 aprile 2021 e non vediamo l’ora di darvi il benvenuto sulle rive del lago più affascinante d’Italia” annunciava nei giorni scorsi Samuel Porreca, general manager del “Mandarin oriental Lago di Como”, l’hotel a 5 stelle che da qualche tempo è sorto all’interno del complesso delle due ville che erano la dimora, a Blevio nelle vicinanze del capoluogo lariano, della cantante di Saronno.

Ci si può andare anche solo per “sbirciare”, come avevamo fatto noi de ilSaronno qualche anno fa, per entrare in quella che era stata la dimora della “divina”: ci sono un bel ristorante aperto a cena tutti i giorni e due bar uno anche bistrot (e che funzionano secondo le modalità e tempistiche previste dall’evolversi delle norme anti-covid), e la vista sul lago è mozzafiato. Nella villa di Giuditta Pasta il compositore Vincenzo Bellini scrisse due delle due opere più celebri, La sonnambula e la Norma. Giuditta Pasta nacque nel centro di Saronno, proprio recentemente è stata riposizionata la targa-ricordo.

(foto: alcune immagini della villa di Giuditta Pasta, divenuta hotel a 5 stelle)

17042021