ROMA – Ieri una delegazione delle Acli, composta dal vice-presidente nazionale con delega al Welfare, Antonio Russo, e la responsabile della Famiglia, Lidia Borzì, ha incontrato la ministra per le Pari opportunità e la famiglia, Elena Bonetti, insieme all’onorevole Maria Chiara Gadda, per un momento di dialogo sulla istituzione familiare, sulla ripartenza del Paese e poi per consegnare delle proposte delle Acli elaborate con l’obiettivo di migliorare l’Assegno unico familiare
“L’assegno unico e universale, il primo tassello del family act voluto dalla ministra Elena Bonetti , è una svolta epocale nelle politiche per la famiglia. E come ogni riforma importante é fondamentale, nel passaggio delicato dell’attuazione, ascoltare le osservazioni di chi come Acli, Associazioni cristiane lavoratori italiani, vive in prima linea il rapporto con i cittadini a partire dai più fragili. La ministra Bonetti dimostra ogni giorno di più la sua grandissima disponibilità all’incontro e al confronto sul merito delle questioni. Ringrazio molto le Acli perché oggi sono emersi tanti spunti su cui potró lavorare in parlamento”. A parlare la parlamentare del Varesotto, Gadda di Italia viva.
(foto: un momento dell’incontro)
07052021