SARONNO – Ieri la giornata campale per il quartiere a sud di Saronno dove in mattinata si è aperto il cantiere per la demolizione dei due ponticelli dell’ex Saronno-Seregno e dove operai e mezzi sono spariti nel giro di poche ore per effetto dell’ordine della Soprintendenza firmato da Luca Rinaldi.

E ora che accadrà? La Soprintendenza archeologia delle arti e paesaggio per le province di Como, Lecco, Monza e Brianza Pavia, Sondrio e Varese ha un mese di tempo per effettuare un sopralluogo valutare se i ponticelli siano o no beni da tutelare per ragioni storiche o artistiche e trasmetterlo alla commissione regionale che dovrà dare o vietare il nullaosta all’abbattimento. L’iter dovrebbe concludersi entro 30 giorni.

Per le prossime settimane dunque operai e ruspe staranno lontani dai due ponticelli, quello di via Filippo Reina e quello di via Don Monza. Da questo punto di vista incaricati di vigilare sul rispetto dell’ordinanza del soprintendente sono i carabinieri della compagnia cittadina.

07112017

 

22 COMMENTI

  1. Congratulazioni, Saronnesi: da oggi nella nostra città abbiamo due monumenti in più! XD

    • Le dirò, a me non dispiacerebbe vederli ripristinati, allargati e migliorati. Non vedo alcun problema nel farlo.
      Comunque bastava informarsi e chiedere i pareri prima. Tutto qua.
      Potrebbero benissimo anche dare il via libera all’abbattimento.
      Non capisco tutta questa fretta e quasi ossessione. Bastava procedere assicurandosi di aver fatto tutti i passaggi, poi ovviamente ci saranno sempre due campane (pro e contro).

    • Non è ancora deciso se sono o non sono beni da tutelare ( siamo sempre in Italia ) , occorre aspettare 30 giorni perchè questa Soprintedenza faccia un sopralluogo ( quindi probabilmente ha bloccato i lavori senza nemmeno fare un sopralluogo ? ) e poi comunichi alla commissione regionale che dovrà decidere se dare o vietare il nullaosta ai lavori

      • Giustissimo che blocchino i lavori per poi fare il sopralluogo. E’ una conseguenza di quegli amministratori sprovveduti che pensano di distruggere gli (ultimi) angoli di paesaggio senza nemmeno avvisare la Soprintendenza. Ben gli sta e spero che la Sopraintendenza vincoli i ponticelli in eterno. Fuori i barbari dall’Italia.

  2. Si potrebbe approfittare di questo “buco” nei lavori per tappare i buchi del ponticello sul Pura in via Volta. Quello si che è pericoloso per i pedoni…

    • I ponticello saranno anche una banalità senza ttoppa impotanza, ma la posizione espressa è veramente disarmante.
      Con questo atteggiamento si giustifica degrado della villa comunale, di palazzo Visconti ecc ecc

  3. Dio preservi sempre le Soprintendenze italiane, ultima difesa contro la barbarie e il partito della Bruttezza.
    Tutti a straparlare della Italia com’è bella, del Made in Italy. Poi, alla prima occasione che si ha per proteggere il bello, l’ottusità passa alla ruspa. Ma valà!

      • bravo genio che crede che il bello sia solo il Colosseo, il Duomo o il Santuario; non è il bello d’italia, in ballo, genio, è il bello fuori di casa, quello che non riuscite mai a vedere, quello delle cose costruite bene come si faceva un tempo, quello che e un po’ alla volta mandate alla malora; spero che venga Sgarbi a farvelo capire come solo lui sa fare

  4. se vigilano come con o telos… avremo l’abbattimento di tutti i ponti di Saronno :):):)

  5. per come vanno le cose, quando ci si mette di mezzo la sopraintendenza vuol per due anni sará tutto bloccato.

  6. Questa interruzione permetterà ad amministrazione e cittadini di progettare assieme la miglior soluzione, per i requisiti del bando e per la città. Domenica mattina bicicletta per ricordare l’importanza della condivisione ai nostri amministratori.

    • Basta dare false informazioni ai cittadini ! Il bando parla di sbancamento della massicciata ed e’ questo che si deve fare per avere il finanziamento del Ministero.

  7. Mai una cosa positiva, anche i ponticelli che non serono a nulla , diventano azione politica. Ma vergognatevi !

  8. Ma i due ponticelli sono datati qualche secolo a.c.? Siamo alle solite! La sicurezza della ns città dove la mettiamo? Eventuali mezzi di soccorso dove transitano? E poi l’abbattimento porterebbe ad un notevole miglioramento della viabilità.
    Aldo Scumcio

  9. Perché non procedere senza isterismi e accettare approfondimenti? Per i più giovani e i meno giovani con memoria labile, vorrei ricordare che anche Casa Morandi, attuale sede del teatro con Sala Nevera e Biblioteca civica (ai tempi relegata in via Verdi dove ora ci sta un asilo) stava per essere “sbancata” per un’altra operazione a dir poco azzardata (ai tempi andava di moda la speculazione edilizia e si volevano costruire alloggi modello residence…) che Italia Nostra prima e la Soprintendenza dopo bloccarono. Quindi, tempo al tempo, e chissà mai che la città non ci guadagni anche questa volta da questo intervento delle autorità preposte alla tutela dei beni storici.

  10. Ma tutti questi difensori degli archi di trionfo li hanno almeno visti? Sono 2 ponti orrendi e marci, oltre che bassi e stretti. Non sono certo questi i beni archeologici da salvare. È solo propaganda politica a prescindere.
    Povera Italia.

    • finalmente uno che ragiona!!! erbacce, cartacce etc. x decenni e nessuno ha mai detto “A”
      Ora invece, gira il vento e ops.. diventano patrimoio dell’Unesco.

  11. qui si parla di allargarli e lo dice un progettesta affermato che sa come fare ad allargare una volta a tutto sesto facendola diventare a sesto ribassato guardagnado il doppio della freccia diminuita al colmo per entrambi i lati, colui che ha progettato il Duomo non era in grado di farlo onore al progettista. poi certo ch sono belle arti, cosa c’è di meglio nel mondo, il colosseo? ma assolutamente no, le piramidi, ma assolutamente no, potremmo sfruttare questa meraviglia di ponticelli e costruirci attorno un business milionario, ma che dico milionario, miliardario e molta gente troverebbe lavoro, possiamo anche mettere maschere in tema ferroviario con indumenti del primo 900, un sogno che si realizza

Comments are closed.