SARONNO – “Ma davvero i maiali sono fatti così? Io pensavo fossero morbidi come i pelouche”. Questo è uno dei quesiti che lunedì mattina i piccoli saronnesi hanno rivolto ai volontari del Gruppo di Sant’Antonio durante le visite guidate al borgo contadino allestito intorno alla chiesetta dedicata al santo di Lisbona.

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=SFILj_eR62Q&w=420&h=315]

I bimbi dell’asilo nido Mongolfiera e delle scuole elementari degli istituti Sant’Agnese, Orsoline, Arcivescovile e Rodari sono arrivati intorno alle 9. Seguiti da un diverso volontario, con cappello tabarro e zoccoli, i piccoli hanno iniziato la propria visita nella chiesetta dove hanno ascoltato la storia della sua edificazione e del lazzaretto che vi sorgeva intorno.

E’ stata poi la volta delle stalle con i bimbi saronnesi entusiasti di poter vedere da vicino e toccare gli animali più diversi dai vitelli ai cavalli senza dimenticare anatre, galline, oche e conigli. Tra i momenti più attesi, dopo la visita ai diversi locali del borgo, l’esibizione di un pastore con il suo cane. I bimbi hanno avuto la possibilità di vedere come si governa un gregge in montagna e di soddisfare tante curiosità sulla vita degli allevatori.

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=P-s5rgd9unQ&w=420&h=315]

15/01/2013