SARONNO – Era pronto ad iniziare un’altra giornata di lavoro: pronto a rifornire di hashish gli studenti delle scuole saronnesi mentre a piedi raggiungevano lo scalo ferroviario cittadino. A poche centinaia di metri dal suo “luogo di lavoro” è però incappato in una pattuglia dei carabinieri che l’hanno arrestato sequestrando 77 grammi di hashish. E’ stato quanto meno sfortunato il marocchino fermato dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile martedì mattina mentre camminava lungo via Varese. E’ successo poco dopo mezzogiorno quando, uscito dalle aree dismesse, lo straniero ha iniziato a camminare in direzione della stazione. La sua presenza non è passata inosservata tanto che una pattuglia di carabinieri ha deciso di fermarlo per un controllo. Perquisendo lo straniero i militari hanno trovato nella sua giacca 7 stecche di hashish per un peso complessivo di 77 grammi. Secondo la ricostruzione dei militari l’uomo era appena passato a prendere la sostanza stupefacente dalla propria riserva. Il marocchino non ha una fissa dimora ed è quindi probabile che trascorra le notti in un giaciglio di fortuna, creato con vecchie coperte e materassi in un angolo delle aree dismesse. Nello stesso punto in cui teneva la propria riserva di sostanza stupefacente che all’occorrenza divideva in dosi per soddisfare le richieste dei clienti incontrati in stazione. Del resto il marocchino era già stato fermato nel marzo scorso dalla polizia ferroviaria che l’aveva colto in flagrante mentre proponeva hashish e cocaina ad alcuni ragazzi. I militari hanno scoperto che lo straniero aveva anche fornito diverse identità in occasioni dei precedenti fermi. Per lui si sono aperte le porte del carcere di Busto Arsizio, dovrà rispondere del reato di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.