SARONNO – Per più di una giornata è rimasta nascosta sopra ruote anteriori di un’Alfa, facendosi portare da Gerenzano a Saronno fino a quando proprio qui i suoi miagolii sono stati sentiti da alcuni passanti che hanno mobilitato la polizia locale, i volontari Enpa e infine i vigili del fuoco che dopo diversi tentativi sono riusciti a liberarla.

Protagonista di quest’avventura a lieto fine una gattina tre mesi, bianca e grigia, chiamata dai volontari Enpa, Crick e che adesso è a caccia di una famiglia.

Ma andiamo con ordine partendo da sabato mattina quando intorno alle 10 i volontari Enpa sono andati al comando della polizia locale di piazza Repubblica per annunciare il rinvio, per il maltempo, dell’iniziativa in programma nel maltempo. Gli agenti ne hanno così approfittato per chiedere l’aiuto dei colontari per un’emergenza segnalata poco prima da un saronnese che passando accanto ad un’Alfa hanno sentito chiaramente miagolare.

I proprietari dell’auto parcheggiata proprio davanti alla porta del Municipio sono impegnati in commissioni varie e i volontari si attivano per cercare di attrarre l’attenzione del quattrozampe. Quest’ultimo miagola disperatamente e si fa individuare nel giro di pochi minuti. Tante le persone che si fermano e chiedono cosa stia succedendo, rendendo più difficile il recupero.

Sdraiati a terra e con qualche bocconcino saporito, i volontari Enpa, cercano di individuare il micio che, a un certo punto, fa capolino dal pianale del motore. “E’ una cucciolina di tre mesi, magra bianca e grigia, sporca di grasso” ricorda Evi Mibelli portavoce Enpa. La gattina esce dal pianale, si avvicina per mangiare, ma il più impercettibile rumore ne scatena la paura e si infila nuovamente nel suo ‘rifugio’ in corrispondenza delle ruote anteriori.

Passano le ore con svariati tentivi ed intorno alle 13 il parcheggio comincia a vuotarsi facendo calare un po’ di tranquillità. Poco dopo appiaono i proprietari dell’auto. “Effettivamente – racconto ai volontari – già venerdì sera avevamo notato in garage delle impronte di gatto, ma non capivamo dove fosse, dato che l’autorimessa è sempre chiusa“.

Insomma, pare che la piccola ‘clandestina’ si facesse scarrozzare da almeno un giorno dall’ignara coppia gerenzanese. Dopo altri tentativi infruttuosi di recupero attraverso il cofano aperto dell’auto, si decide per l’intervento dei pompieri che, prontamente, si presentano nel piazzale davanti al Comune.

Il caposquadra  insieme ad altri quattro colleghi iniziano ad alzare l’auto per accedere al pianale motore e cercare di catturare la piccoletta, sempre più spaventata.
Un’operazione durata complessivamente 10 minuti e la piccola Crick (questo il nome dato dai volontari) aggrappata al guantone di gomma del suo salvatore viene tirata fuori e messa nella gabbietta.

Trasferita alla sede Enpa di Saronno la gattina è stata rifocillata e messa in tranquillità per un rapido recupero.”Un grazie doveroso va ai nostri vigili del fuoco sempre sensibili e attenti agli amici animali” concludono i volontari che sono già all’opera per trovare una famiglia che adotti l’avventurosa Crick.

 

22052013

3 Commenti

  1. ..perplesso anch’io che il Silighini abbia avuto meglio da fare e abbia delegato ad altri il compito di Salvatore.
    ..plauso ai VVF: … e meno male che ci sono! …e a nome della gattina, io ringrazio.

  2. Una volta si leggevano fiabe..dove arrivava il principe azzurro e svegliava la bella addormentata. Adesso arriva il silighini e: pulisce, aggiusta, controlla, si laurea, mette fiori..insomma fa politica..

Comments are closed.