carabinieri piazza libertàSARONNO – Conosce uno straniero in difficoltà per strada e offre la propria casa per farlo lavoro e dopo qualche ora si ritrova picchiato e rapinato. Protagonista di questa disavventura è un 42enne residente a Cislago ed un marocchino di 43 anni senza fissa dimora e documenti.

Tutto è iniziato lunedì intorno alle 18 in centro città dove i due si sono incontrati: hanno iniziato a parlare e quando lo straniero ha espresso il desiderio di farsi uno doccia il cislaghese l’ha invitato a casa propria.

Una rapida corsa in treno e i due quarantenni sono arrivati nell’appartamento alla periferia di Cislago dove lo straniero ha potuto cambiarsi. Sono continuate le chiacchiere ed anche un brindisi visto che di lì a poche ore sarebbe stato il compleanno del cislaghese.

Ben presto però le intenzioni dello straniero sono cambiate tanto da aggredire il padrone di casa con testate, pugni, schiaffi e calci. Il marocchino ha quindi preso un coltello intimando al 42enne di consegnargli il telefono cellulare.

Il pestaggio ha attirato l’attenzione dei vicini che hanno chiamato i carabinieri arrivati sul posto pochi minuti dopo che lo straniero era uscito di casa.

La vittima, con il volto ancora sanguinante ha descritto l’aggressore ai carabinieri permettendo ad una pattuglia di rintracciare il nordafricano alle porte di Gerenzano lungo la Varesina. I militari hanno notato subito la mano destra e gli abiti sporchi di sangue dello straniero che in tasca aveva il cellulare del cislaghese.

Così mentre il 42enne veniva trasferito all’ospedale di Saronno dove è stato curato per ferite  al volto e percosse al capo, alla caserma di Saronno il marocchino è stato arrestato per rapina aggravata e lesioni.

02072013

6 Commenti

Comments are closed.