SARONNO – Sconcerto e tristezza per l’accaduto, dopo l’omicidio di Angelo Alberti, ed anche una riflessione in tema sicurezza: Luciano Silighini Garagnani di Forza Silvio e del comitato Saronno 2015 invita stimola il dibattito in città.

25032014 omicidio davanti al Santuario (14)

“Il nuovo omicidio avvenuto a Saronno è all’apparenza frutto di una lite interna ad un nucleo familiare. Non c’è un nuovo killer che vaga per la città come quest’estate. Ma ricordiamoci che Alex Maggio era stato preso solo grazie alle telecamere “private” del negozio. Mentre in molte zone, come viale e piazza Santuario, sono sprovviste di impianti di videosorveglianza davvero efficaci. Stavolta non sarebbero comunque servite, ma se le cose fossero andate diversamente, il supporto video sarebbe mancato. In zona Santuario come altrove – ricorda Silighini Garagnani – Ad esempio nella centralissima piazza Libertà dove le telecamere funzionanti sono solo quelle degli accessi al fianco dellacChiesa. Il Comune di Saronno non è dotato di alcuna telecamera di sicurezza e nemmeno i vigili urbani”.

260314

23 Commenti

  1. Il tema sicurezza non c’entra nulla con questo dramma familiare, e Silighini ha perso un’altra occasione per stare zitto. Approfittare di questo episodio per fare politica è squallido e inappropriato come la maggior parte degli interventi di Silighini.

  2. “Il nuovo omicidio avvenuto a Saronno è all’apparenza frutto di una lite interna ad un nucleo familiare”

    Appunto, quindi cosa c’entra la sicurezza ?
    Al limite si puo’ parlare del lavoro che manca, del disagio sociale a cui lo stato italiano non riesce a dare risposte concrete, dei servizi sociali carenti a supporto delle famiglie con malati di Alzehimer, ma non userei comunque questi argomenti per far campagna elettorale per le comunali del 2015.

  3. Ma perchè se ad esempio il sindaco fa un commento sull’omicidio nessuno ha niente da dire, ma se lo fa un altro politico, in questo caso il “povero” Silighini, allora deve necessariamente essere una “speculazione politica” o chissò cos’altro? mi pare, da lettore, assolutamente ovvio che un personaggio pubblico saronnese, e Silighini piaccia o non piaccia lo è, dica serenamente la sua, tra l’altro senza insultare nessuno e suggerendo una riflessione che può essere condivisa o meno ma assolutamente sensata ed appropriata al tema.

    • il problema è proprio che la riflessione non è appropriata al tema!una lite familiare che porta ad un omicidio cosa c’entra con la sicurezza?!è come dire dopo un incidente aereo di pensare alla sicurezza sulle strade!Silighini, da bravo politico, interviene su tutti gli argomenti cercando di accaparrarsi consensi…anche dicendo cose a sproposito..

  4. qualunque cosa questo personaggio scriva viene pubblicato acriticamente…..che poi sia un personaggio pubblico può darsi, ma aspetto che prima si sottometta ad un giudizio degli elettori (sul risultato atteso ognuno è libero di pensarla come vuole fino al giorno prima, ma una volta contati i voti basta), altrimenti conta quanto qualunque altro cittadino.E sullo speculare su tragedie familiari, qualifica il personaggio

  5. Silighini ha detto cose giuste e basta. Questa cittàs ta degenerando e serve sicurezza e non ha detto nulla usando niente siete faziosi

  6. Cosa c’entrano queste dichiarazioni con la questione di sicurezza per le strade? L’omicidio è avvenuto in un appartamento privato, ci dovevano essere telecamere anche là?? Questo intervento è fuori tema.

  7. Silighini anche questa volta non ha perso occasione di mettersi in mostra, secondo me dicendo cose fuori luogo, viste come si sono svolte le cose. La sicurezza di cui lui parla nell’articolo non c’entra nulla, solo un grande disagio familiare che lo può comprendere solo chi ne è colpito. In questi casi, malgrado tutto e tutti, si è soli di fronte al problema e ad affrontarlo quotidianamente. Lo posso dire con cognizione di causa.
    Per cui basta mettersi in mostra per ogni cosa.

  8. Penso che evidenziare i problemi della città non e mai troppo ogni occasione è buona ma per questa brutta vicenda qualcuno ha peccato , un uomo dopo una vita a dare non può essere abbandonato in questo modo.

  9. Silighini ha detto giusto anche qui. Meno male che era una lite in casa se era fuori addio chi lo trovava più l’assassino? Città insicura senza telecamere e con il silenzio omertoso. Poi su questo sito è vergognoso che si facciano scrivere commenti simili dalle solite tre persone che cambiano nome per fare terrorismo! Avanti tutta Luciano Silighini !! Avanti tutta

    • Michele …la “tiritera “del nome vale anche per te . Ribadisco che il personaggio ha fatto un’altra gaffe …. ma il peggio è che non se ne rendfe conto

    • Per fortuna che ci sono molte persone di buonsenso oltre che d’etica che hanno, da tempo, preso le distanze da becere esternazioni .
      Un pensiero affettuoso ad Angelo

  10. Come si fanno a scrivere commenti così ? Nessuno strumentalizza ha detto la verità il Silighini! Se domani uno fa un crimine non si trova più e in estate senza le telecamere non trovavano certo il killer! Serve severità e capacità a fare le cose e davvero credo che più fate ste figure più Silighini diventa la risposta

    • La sua “verità” condita di inconsistenza e incoerenza oltre che di falso buonismo

  11. Più scrivono certi commenti “anomali” più si capisce che questo Silighini fa paura. Allora ben venga soprattutto se scrive cose dirette e senza paura come queste.

  12. Non censurate come al solito, quanto segue è espressamente sostenuto da Luciano Francesco Silighini Garagnani Lambertini, per cui, fino a prova contraria, vero:

    – Silighini è discendente del fantasma di Azzurrina di Montebello.

    – Silighini è un principe, ultimo discendente di S.S. Benedetto XIV e presidente nazionale del sodalizio “Corpo nobiliare e Cavalleresco Pontificio”.

    Ha tutte le carte in regola per fare il sindaco a Saronno, ecco perchè fa paura.

  13. Sig. Silighini ci sarebbe una soluzione migliore : se ogni saronnese avesse un chip sottopelle potremmo prevenire larga parte dei crimini più gravi della zona , dalla pericolosissima occupazione di spazi abbandonati da decenni al nuovo fenomeno emergente del contrabbando di carciofi,tra l’altro probabilmente russi,quindi comunisti e radioattivi.
    Tutti insieme per una Saronno più sicura

Comments are closed.