saronno ciocchina sala vanelli benemerenza (2)SARONNO – Con una cerimonia ufficiale alle 16,30 in sala Vanelli, Saronno ringrazierà i propri cittadini benemeriti che saranno premiati, per l’impegno profuso a servizio della comunità, con la Ciocchina la civica benemerenza.

Sabato 25 ottobre, vigilia della festa del Trasporto, la pergamena, il distintivo della città di Saronno e la statuetta saranno conferiti ad Aurelio Legnani, partigiano e membro dell’Anpi cittadina e l’Unitre, Università delle tre età. Non manca una Ciocchina alla memoria, la seconda dopo quella conferita dal commissario straordinario Giuliana Longhi al fotografo Franco Galli, ad Aldo Gallo, attivissimo nel quartiere Matteotti dal calcio alla società civile.

Abitualmente la scelta dei benemeriti avviene tra le candidature presentate da almeno venti cittadini quest’anno è stato però il sindaco Luciano Porro a proporre il nome del primo premiato Aurelio Legnani 88enne uno degli ultimi cinque partigiani rimasti in provincia di Varese. Legnani, attivissimo membro Anpi, è stato anche fondatore della Casa del Partigiano. “Per me – ha commentato il benemerito – sarà una grande emozione ricevere la benemerenza soprattutto perchè la cerimonia si terrà nella sala dedicata ad Agostino Vanelli, primo sindaco saronnese nel dopoguerra e caro amico”.

Considerano la Ciocchina uno stimolo a continuare a far crescere la propria attività i volontari dell’Università delle Tre età. Il sodalizo opera in città dal 1991 e quant’anno conta 160 corsi, quasi 2 mila iscritti che frequentano lezioni tenute da più di cento docenti.

Grande emozione anche per la famiglia di Aldo Gallo saronnese scomparso nel 2011 a 63 anni dopo aver dedicato la vita al quartiere Matteotti dividendosi tra iniziative sociali e l’impegno per il team calcistico del rione. “E’ bello che la sua città – ha commentato il figlio Dino – abbia deciso di ricordarlo per l’immensa passione con cui si è dedicato al quartiere”.

24102014