SARONNO – Via al Ramadan 2016, torna a riempirsi il centro islamico di via Grieg dove si recano i fedeli musulmani non solo di Saronno ma anche dei paesi del circondario.

17072015 fine ramadan saronno (8)

Il mese sacro della loro religione è iniziato con una preghiera lunedì sera, si va avanti tutti i giorni e così lungo la direttrice verso la periferica via Grieg, fra i capannoni quasi al confine con Caronno Pertusella, saranno davvero in tanti a recarsi. Previsto il servizi di sicurezza per ridurre al minimo i disagi per gli automobilisti e i residenti della zona dove si faranno i conti con l’arrivo di centinaia di fedeli. “I pilastri del nostro centro sono l’integrazione con la città e il sostegno ai giovani. Sono due progetti che portiamo avanti con determinazione passo dopo passo. Siamo arrivati in Italia e a Saronno e viviamo qui con le nostre famiglie per noi è importante fare parte della città e dare il nostro contributo alla vita della comunità che ci ospita” dicono all’unisono i co-fondatori del centro islamico, Sadok Hammami e Latif Chridi. A fare gli onori di casa nei momenti di preghiera e riflessione sarà l’imam, Najib Al Bared. E’ il terzo anno che il Ramadan si svolge negli spazi di via Grieg, a suo tempo acquisiti dal centro islamico”

08062016

25 Commenti

  1. Contributo a quale comunita’ ? la vostra forse…oppure diteci cosa mai avete fatto per la citta’ che e’ costretta ad ospitarvi!

  2. Ma noi al loro paese avremmo così tanta attenzione e diritti??
    La risposta è NO.
    Dunque si prega di preparare la valigia di cartone e tornare al Vs. paese.
    La vostra presenza ci porta in dietro di 30 anni…

    • Anche le persone che nel 2016 riescono a scrivere IN DIETRO staccato non sono da meno!

  3. Siamo davvero felici di avere una bella moschea che concentra a Saronno anche tutti i musulmani di fuiri città. Come se non bastassero quelli che spacciano e scippano in stazione e quelli che stazionano in centro non si sa bene a fare cosa. Nel frattempo, sui barconi arrivano a migliaia e noi continuiamo ad andarli a prendere, evviva!
    I Saronnesi (quelli veri) ringraziano per il contributo ricevuto.

    • Mi perdoni (si fa per dire), quali sarebbero i “Saronnesi veri”? Giusto per capire. Dal nick name si desume già tanto, purtroppo.

    • Ringrazi il sindaco…tante chiacchere in campagna elettorale e poi sono anche andati a mangiare cous cous con gli islamici. E la schifezza in stazione è sempre peggio.

  4. Certo vengono in tanti, ma questo genera anche un piccolo problema.
    Lì esiste uno spazio dedicato ai turisti in camper che vengono a Saronno e una struttura per chi deve eseguire le normali operazioni di carico e scarico.
    Purtroppo l’invasiva presenza di auto sistemate alla belle e meglio e di persone che rimangono fino ben oltre la mezzanotte, oltre ad impedire un normale uso della struttura per il carico e scarico, non da una bella immagine della città con il risultato che …. i turisti se ne vanno.
    La locale Associazione Camperisti, che cura il posto, ha il suo bel da fare nel convincere i turisti che il disagio è solo momentaneo, consigliando loro una diversa sistemazione in città, ma oramai il danno è fatto.
    Il risultato finale sarà che commenti, fino ad ora positivi su Saronno, riporteranno questa situazione ed il lavoro portato avanti con pazienza da 15 anni attirando su Saronno un discreto movimento turistico andrà immancabilmente perduto.

    • l’associazione camperisti. Il turismo a Saonno… inventatene una ancora in più. fiaba

      • cominciate a fare la crociata x togliere tutti i camper parcheggiati e fermi per giorni sul pubblico suolo, che è proprio brutto e allontana i turisti

      • E’ sempre bello sapere che c’è chi ironizza e sembra essere un tuttologo senza conoscere ben che minimamente la dimensione del problema.

      • Forse, contrariamente a quanto ha fatto Lei, i turisti che vengono hanno letto quanto raccomandato un certo Stendhal, uno dei più famosi viaggiatori di tutti i tempi, che dedicò alcune pagine a Saronno e diceva che era l’ultima tappa dove si poteva ammirare la sublime arte italiana prima di procedere verso nord.
        Perciò prima ancora di ironizzare sulle possibilità turistiche della città, pur rispettando la Sua opinione, e meglio documentarsi, perché è fin troppo semplice fare sempre della facile ironia.

        Se vuole si possono fornire numeri, provenienza, giorni di permanenza ecc. e anche se per Lei saranno solo fiabe, rimangono dati certi.
        Magari Le sfugge, ma in città esistono Associazioni che si impegnano per far conoscere quel poco che Saronno può offrire, senza per questo sentire la necessità di essere tutti i giorni alla ribalta della cronaca.

  5. ma è luogo di culto o centro culturale vorrei comprendere anche perchè se moschea dovrebbe seguire certi iter per aver permessi cosa che a norma vigente un centro culturale non ha…ma si sà le risorse posson tutto in questo paese governato da badoglini

  6. Grazie al PGT della passata amministrazione Porro ha favorito gli islamici: ma non era cattolico?

  7. Veramente al loro paese non dobbiamo nemmeno far vedere crocefissi al collo( parlo nei loro paesi per vacanza dove si portano anche i soldi).
    Li turbiamo poverini!
    L’Italia e’ vergognosa

  8. Far parte della citta’….mi piacerebbe sapere come visto che portano i figli a scuola e non partecipano mai a una riunione o ad altro. Anzi grazie al buonismo delle insegnanti a loro tutto e’ dovuto dagli altri genitori gite,materiale ….e potrei elencarne altre.

    Sempre meno parole!!

  9. A tutti quelli che scrivono e commentano qui faccio tre domande:
    1 Avete provato a passare in via Grieg una qualunque di queste sere prima di commentare?
    2 Fate o avete mai fatto qualcosa per far valere nel vostro stato, nella vostra comunità, il mantenimento delle tradizioni o rinnegate qualsiasi appartenenza ad una civiltà Cristiana ad ogni occasione buona cavalcando l’onda della laicità dello stato?
    3 Che significato date alla parola comunità?
    Sono tre semplici domande che dovremmo porci tutti, io in via Grieg ci sono passato più volte e mi dispiace dirlo ma sotto certi aspetti avremmo molto da imparare da queste persone che fanno della comunità la loro forza.
    Ho invece seri interrogativi sul come possa essere regolare un simile assembramento di gente sotto i vari aspetti: sicurezza, ordine pubblico, sanitario, antincendiO e mi piacerebbe sapere se i numerosi permessi ed incartamenti che vengono richiesti quando si organizza una qualsiasi festicciola qui vi siano tutti!

Comments are closed.