saronno municipio piazza repubblica (2)SARONNO – All’anagrafe il registro è stato predisposto ed una coppia ha già presentato la prima domanda. Anche Saronno è ormai pronta per le unioni civili.

A confermarlo l’assessore ai Servizi sociali e Affari generali Gianangelo Tosi: “Abbiamo dato seguito a quanto previsto dalla normativa ed una coppia ha già fatto domanda. Gli assessori agiranno secondo coscienza per quanto riguarda la celebrazione”

Come dovranno muoversi i saronnesi interessati?

“Le persone interessate alla costituzione dell’unione civile nel comune di Saronno sono invitate a contattare l’ufficio dello stato civile. A tal fine è già attivo un servizio di prenotazione telefonica (02.96710306) o via mail all’indirizzo [email protected] che verrà utilizzato per determinare la priorità nella convocazione. Le coppie, seguendo l’ordine di prenotazione, verranno richiamate e invitate a presentarsi all’ufficio di stato civile (Municipio – Piazza Repubblica 7)”.

L’iter
“Nella richiesta che sarà formalizzata con processo verbale innanzi all’ufficiale dello stato civile ciascuna parte dovrà dichiarare: nome e cognome, la data ed il luogo di nascita, la cittadinanza ed il luogo di residenza. Anche l’insussistenza delle cause impeditive alla costituzione dell’unione di cui all’art. 1, comma 4 della legge.

Il processo verbale redatto dall’ufficiale dello stato civile sarà da lui sottoscritto unitamente alle parti. Nello stesso verbale verrà concordata la data (non prima di 15 giorni dalla sottoscrizione del verbale stesso) in cui le parti si presenteranno per rendere congiuntamente la dichiarazione costitutiva dell’unione.

La costituzione
Nel giorno indicato nel processo verbale relativo alla richiesta, le parti renderanno personalmente e congiuntamente alla presenza di due testimoni, avanti all’ufficiale dello stato civile del comune dove è stata presentata la richiesta, la dichiarazione di voler costituire unione civile.

Contestualmente le parti potranno: rendere la dichiarazione di scelta del regime patrimoniale della separazione dei beni; scegliere un cognome comune, scelto fra i loro cognomi, da assumere per la durata dell’unione. La parte che modifica il cognome dichiarerà se sostituire il proprio cognome con il cognome scelto o anteporlo o posporlo al proprio.

Qui il link al sito comunale con tutte le informazioni

17082016

19 Commenti

    • Spero tu non sia del ’77 ma del ’37….ancge se mia nonna era piu’ aperta di te…

    • spiegaci quali siano le altre priorità che blocchino questa….salvo un tardo oscurantismo del vostro cervello

      • Putroppo e dico putroppo e grazie a persone aperte come te che ci troviamo in una societa di smidollati e senza palle.

        E lo dico con rammarico perche’ il tutto e’ degenerato proprio per dar spazio a tante genialate di questo stampo e fattura.

        E commenti idioti di tal fattura confermano i fatti.
        Cordialita’ persona aperta

        • quindi quando uno non è d’accordo diventa automaticamente un commento idiota.

          Sono contento di non appartenere alla tua parte, proprio contento. Speriamo che presto questo vento smetta di soffiare (Idiot wind, Bob Dylan)

      • Bella roba, Saronno, africani, omosessuali convinti ed orgogliosi, figli del ceto medio che diventano delinquenti, pestando un ufficiale o mettendo firme, menomale che è pieno di spacciatori cosi posso comprare, dorgarmi sotto lo splendido cielo azzurro e canticchiare ancora, dissa dissa dissaronno se trovi del buono forse ci ritorno.

  1. Pronti allo scandalo della prima unione rifiutata perchè emtrambi dello stesso sesso?

  2. Sinceramente in Italia ci sono altre priorità… Ma siccome bisogna sempre buttare il fumo negli occhi della gente, per distrarli appunto da altre problematiche, grazie al governo Renzi. Ciò non toglie che è giusto riconoscere i diritti a tutti. Vorrei capire una cosa…Visto che si taglia sulle pensioni, in particolare su quelle di reversibilità, qualcuno mi spiega ora come pensa il governo di destinare i pochi fondi a disposizione, per chi matura oggi un diritto che prima non c’era? Comunque la nostra Costituzione spiega bene ciò che è giusto, mi sembra che oggi si sta stravolgendo, un po’ l’ordine delle cose! Ogniuno è libero di far ciò che vuole… ma con il buon senso e tolleranza e sopratutto con il senso del pudore, che oggi sembra mancare…

    • che c’entra il senso del pudore: onestamente mi scandalizzano certi episodi di abusi sessuali perpetrati dagli insospettabili tutori della morale su molti bambini/adolescenti..

      Ma suppongo che questo non turbi il tuo sonno iper-bensante

  3. Non é una bella notizia, ne avrei fatto volentieri a meno.
    E’ solo per dare fumo negli occhi, per distrarre la gente da ben altre faccende più importanti.

    • Immagino le faccende più importanti… la riapertura dello ztl, l’eliminazione del limite di 30 km/h, le ronde padane e la caccia all’immigrato!

Comments are closed.