SARONNO – “Ci spiace sempre dover rinunciare ad una pianta di questa portata ma è un abbattimento necessario per garantire la sicurezza dell’area. Sotto il cedro passano decine di pedoni oltre ad esserci un parcheggio. E che dire del vicino palazzo? Il crollo di una pianta alta 22 metri è un rischio che non possiamo correre. Da qui la mobilitazione degli uffici per affrontare rapidamente il problema”.

Così l’assessore all’Ambiente Gianpietro Guaglianone annuncia l’abbattimento domani mattina di una delle piante più grandi e storiche di piazza Unità d’Italia. Del resto il 50% delle radici sono compromesse e questo rende necessario anzi urgente provvedere all’intervento.

Nel dettaglio si tratta di un cedro dell’Himalaya (Cedrus deodara Roxb) che si trova accanto all’ingresso del parco De Rocchi. La pianta, alta oltre 22 metri, sovrasta il piccolo parcheggio e l’area dove prima sorgeva la casetta con il distributore del latte fresco.

Solo qualche giorno fa l’Amministrazione era dovuta intervenire anche in piazzale Borella per abbattere, sempre un cedro dell’Himalaya, che rischiava di cadere sulla sede stradale. In quel caso la pianta era monitorata da diversi anni ed erano stati presi diversi provvedimenti per consolitarla ma senza successo.