SARONNO – E’ alla giornalista Rai che ha realizzato il servizio sul 2 giugno saronnese, diviso tra il flashmob in piazza e le autorità alla cerimonia dell’alzabandiera dei paracadutisti, che il sindaco Alessandro Fagioli affida il suo commento sulla giornata ma soprattutto sul futuro delle celebrazioni della Festa della Repubblica nella città degli amaretti.

Il primo cittadino, intervistato al termine della cerimonia in via Biffi, riprende le parole del leader della Lega Matteo Salvini ricordando come la Repubblica “non tuteli i confine e neanche il lavoro dei giovani” ma soprattutto interrogato sulla prossima edizione della Festa della Repubblica rimarca “Quest’anno ho dato motivazioni di ordine pubblico e vedremo quale sarà la situazione l’anno prossimo”.

(foto un momento dell’intervista realizzato dalla troupe Rai che ha seguito il 2 giugno saronnese)

02062017

12 Commenti

  1. “Quest’anno ho dato motivazioni di ordine pubblico e vedremo quale sarà la scusa che mi inventerò l’anno prossimo”.

  2. Peccato che una giornata di festa in Italia sia stata rovinata dalle dichiarazioni del sindaco e del assessore Tosi, se penso che hanno avuto paura di quattro ragazzini, mi rendo conto che in città la sicurezza non può essere garantita ne dal sindaco ne dalla giunta. Avete preso in giro noi cittadini ed ora ci troviamo una città sporca, piena di murales ed insicura. Voi pensate allo stipendio che prima non avevate, osservandovi uno capisce anche il perché… ora mi chiedo, ma lo staff costosissimo a cosa serve se non da consigli utili… con i soldi dei vostri stipendi e dello staff aiutate piuttosto tutte quelle famiglie che hanno veramente bisogno e cancellate da tutti i muri saronnesi tutte quelle scritte che fanno aumentare la sensazione di degrado…

  3. Invito il Sindaco Fagioli ad un minimo di realismo; un realismo che gli consentirebbe di interrompere l’infinita serie di figuracce che da tempo colleziona.

    Ero in piazza Libertà questa mattina e con alcune centinaia di cittadini abbiamo festeggiato quella Repubblica che lui e i suoi amici di partito tanto disprezzano, ma in forza della quale si fa chiamare Sindaco.

    Non c’è stato alcun problema di ordine pubblico, come era facile prevedere e come i media locali e nazionali hanno ben documentato.

    Certo non c’erano ne il Sindaco ne il suo partito.
    Dobbiamo allora credere che nascano da loro i problemi di ordine pubblico della città?

  4. Ma a Roma a governare come ci andate? Da Italiani repubblicani o inventerete una nuova Monarchia? Oppure quest’anno avete preso una bella cantonata?

  5. Direi ennesima figura di questa giunta che purtroppo va a colpire tutta la cittadinanza, di destra e di sinistra, come se la volontà popolare fosse del sindaco…

  6. Non era per ordine pubblico ma x ordine di salvini. Almeno una volta tanto sia onesto

  7. Ero presente con Fagioli pur non facendone parte e sappiate che l’idea del picchetto con i Parà è nata non appena saputo che Licata aveva invitato Rai 3 in piazza. La mattina del 2 giugno si è deciso di presenziare a un qualsiasi evento tranne che a quello spontaneo in piazza. dispiace ma speravo in un sindaco con maggiore coraggio, invece si è limitato alle chiacchiere e ha festeggiato il 2 giugno anche lui.

Comments are closed.