SARONNO – Grande emozione e condivisione ieri sera al centro islamico saronnese per la prima edizione della giornata di porta aperte organizzata nella struttura di via Grieg.

Quella di venerdì sera era una sorte di anteprima della giornata di oggi quando alle 11 saranno aperte le porte per visite guidate, un pranzo gratuito su prenotazione e la visita a diverse mostre.

Ieri sera erano presenti molte famiglie della comunità islamica, diversi esponenti della comunità pastorale Crocifisso risorto oltre ovviamente ai portavoce del centro Latif Chridi e Sadok Hammami e l’imam Najib Al Bared. Tanti gli ospiti che hanno animato il dibattito Antonio Angelucci docente dell’università dell’Insubria di Varese/Como, Paolo Branca noto islamologo e docente dell’università Cattolica di Milano e Paolo Gonzaga traduttore del primo commentario coranico dall’arabo all’italiano ed esperto di tradizione e religione islamica.

Ad essere accolto con tanti abbracci e sorrisi il prevosto monsignor Armando Cattaneo che ha ringraziato tutti per l’invito. “Volevo farvi i complimenti – ha esordito nel suo breve discorso – per quest’idea di apertura. Conoscersi è il primo modo per evitare il pregiudizio, le incomprensioni e l’odio”. Un plauso da tutti i presenti è arrivato al gruppo dei giovani musulmani che hanno allestito gli spazi, da quelli dei convegni (oggi si replica alle 18) a quelli degli stand con diverse proposte per avvicinarsi alla cultura araba.

03112018

2 Commenti

  1. La chiesetta di Sant’Antonio è già in “appalto” agli ortodossi. Non vedo l’ora di vedere la prepositurale trasformata in moschea!

Comments are closed.