SARONNO – Oggi in occasione della 69esima giornata per le vittime degli incidenti sul lavoro, celebrata oggi sotto l’Alto patronato del Presidente della Repubblica, Anmil Varese si è radunata con diverse delegazioni della provincia a Saronno.

“La celebrazione di oggi – ha spiegato il presidente Anmil Varese Antonio Dibella – serve anche per accendere i riflettori sulle morti sul lavoro che sono ancora troppe in Italia, in Lombardia e anche in provincia di Varese”. E’ stata l’occasione per ricordare il camionista Carmine Gabriele morto mentre scaricava il suo mezzo a Bovisio Masciago lo scorso 24 settembre o ancora Andrea Masi il 19enne vittima di un infortunio lo scorso primo novembre mentre lavorava in un centro commerciale a Milano.

“E’ importante investire sulla formazione soprattutto dei più giovani anche per questo siamo stati lieti di collaborare con la scuola saronnese (Ipsia Parma ndr) organizzando con Inail un momento di ricordo del ragazzo con un momento di formazione e sensibilizzazione dei più giovani“.

Alle 9 la deposizione di una corona al monumento alle vittime del lavoro in piazzale Borella alla presenza del corpo bandistico e del sindaco Alessandro Fagioli seguita dal corteo fino in piazza Libertà. Dopo la messa il momento ufficiale con i discorsi in Villa Gianetti.

13102019

2 Commenti

  1. In regione Lombardia sta è emergenza assoluta, 2019 incremento esponenziale (+60% rispetto all’ anno scorso ), Parlate di popolo, ve ne riempite la bocca… Agite! Intensificate controlli! Chi va a lavoro non va in guerra.

    • …..di lavoro nella grande e operosa Lombardia si muore….
      e si muore due volte per il lavoro che non c’è
      e per il “lavoro” che c’è che in alcuni casi non tutela l”uomo” ma vuole solo il profitto
      …….
      certo fino a che la politica è soltanto “parole parole….”

Comments are closed.