BUSTO ARSIZIO – Ergastolo: questa la sentenza per Leonardo Cazzaniga, medico veterano del pronto soccorso dell’ospedale di Saronno. Era accusato di una serie di morti in corsia, e delle morti di famigliari dell’amante Laura Taroni. Anche questa mattina all’ultima udienza del processo, Cazzaniga aveva respinto ogni accusa, dicendo di avere sempre operato per il “bene” dei suoi pazienti. La sentenza è stata pronunciata oggi pomeriggio poco dopo le 17.30 al tribunale di Busto Arsizio dove si stava tenendo il processo.

Leonardo Cazzaniga, medico veterano dell’ospedale di Saronno e residente a Rovellasca, è accusato della morte di pazienti del pronto soccorso, e anche di avere concorso all’omicidio tramite somministrazioni di farmaci di altre tre persone, famigliari della sua amante. Era stato arrestato dai carabinieri della Compagnia cittadina nell’ambito dell’operazione “Angeli e demoni” che era stata messa a segno dai carabinieri della Compagnia di Saronno del maggiore Giuseppe Regina, dopo lunghe e delicate indagini.

(foto archivio: Leonardo Cazzaniga in ospedale, in mezzo ai carabinieri, poco dopo l’arresto avvenuto nel novembre del 2016. Sopra, a margine di una delle udienze processuali, il comandante Giuseppe Regina dei carabinieri, che condusse le indagini)

27012020

3 Commenti

Comments are closed.