MILANO – “Noi siamo stati il Paese più colpito dell’Occidente dall’emergenza coronavirus, i provvedimenti che abbiamo assunto hanno l’obiettivo di salvare l’economia dell’Occidente. La vita continua, il sistema Lombardia deve andare avanti”.

Lo ha detto il vicepresidente di Regione Lombardia Fabrizio Sala che ha lanciato, nelle ultime ore un video “Forza Lombardia” per mandare un messaggio a tutti i lombardi

“Cominciamo – ha spiegato il vicepresidente – a comunicare il lavoro che stiamo facendo dal punto di vista economico. Dobbiamo andare avanti e convivere con questo virus che per la prima volta ha toccato il nostro Paese e ha avuto un impatto economico negativo”.

“Per questo – ha proseguito – vogliamo chiedere una serie di aiuti, anche a seguito degli incontri avuti con le categorie economiche: all’Unione Europea, in particolare, ci rivolgeremo per accedere al fondo di solidarietà per calamità naturali, anche se sappiamo che non investe direttamente in ambito sanitario”. “Chiediamo misure a garanzia non solo della Regione – ha rimarcato Fabrizio Sala – ma dell’Italia, dell’Europa e del mondo”.

“Lavoriamo – ha detto ancora – a un piano di rilancio del sistema economico lombardo a 360 gradi. Questa emergenza è un ulteriore stimolo per lanciare sistema Italia”. Il vicepresidente ha concluso con un invito, rivolto a chi in un momento così delicato sta speculando su quanto sta avvenendo a seguito dell’emergenza coronavirus: “Non fate alla Lombardia e all’Italia – ha chiosato – ciò che non vorreste e non reputate giusto sia fatto a a voi e all’Italia”.

Il vicepresidente ha anche sottolineato che le misure fin qui prese sono concertate con tutte le istituzioni e, in particolare, con il Governo.
Quanto alla notizia relativa all’isolamento del ceppo italiano del Coronavirus avvenuto all’ospedale Sacco, il vicepresidente Sala ha voluto esprimere i complimenti al prof Galli alla sua equipe “e a tutti i ricercatori lombardi per questa importante scoperta: questa è ricerca e i nostri ricercatori stanno lavorando H24 da giorni per fare fronte all’emergenza” .

29022020