PIANORO – Nei quarti di finale di serie A1 si va alla “bella” della domenica mattina, indispensabile per stabilire chi fra Pianoro e Rheavendors Caronno incontrerà settimana prossima l’Inox Team Saronno nella semifinale-scudetto. Sabato le bolognesi hanno vinto la prima e perso la seconda di due tiratissime sfide.

Carlotta Salis (foto), lanciatrice Rhea, protagonista del secondo incontro, alla fine è stanchissima ma soddisfatta: “Sono rimasta nove inning in pedana, è stata una partita tosta, fra alti e bassi ma alla fine siamo riuscite a vincere. Le mia “forza”? Sentirmi sempre le compagne molto vicine. Domani gara 3 sarà dunque decisiva, sia io che l’altra lanciatrice Silvia Durot ci sentiamo pronte!”

L’allenatore della Rhea, Argenis Blanco, ricorda i momenti decisivi di una sfida particolarmente emozionante: “Ci siamo trovati ad un out della eleminazione, abbiamo pareggiato, e poi ne siamo usciti incolumi con 0 out a basi piene. Insomma, ci sono stati tanti momenti determinanti. Abbiamo sempre lottato, e ci abbiamo sempre creduto”. A Salis nella seconda partita sono stati chiesti i supplementari: “Ho visto che stava bene, mi sembrava serena, faceva le cose con tranquillità e quindi l’ho lasciata andare avanti sino alla fine. E’ merito anche del lavoro svolto in settimana, dalla nostra pitching coach Elisa Vanzulli!”

Sull’altro fronte la manager del Pianoro, Marina Centrone, elogia le sue, “due gare vissute anche di episodi, molto equilibrate”.

12092020