Home Città Il saronnese Paolo Bocedi e il caso Fabrizio Corona: “Esagerato quel che...

Il saronnese Paolo Bocedi e il caso Fabrizio Corona: “Esagerato quel che gli sta accadendo”

2720
8

SARONNO – “Mesi fa mi ero occupato di Fabrizio Corona per poi lasciarlo al suo destino. Oggi però mi sembra esagerato tutto quello che gli sta accadendo. Sono liberi mafiosi ed assassini mentre a lui tocca il peggio, sembra quasi un accanimento giudiziario, al limite della sopportazione. Domani pubblicherò su Facebook la lettera che Fabrizio mi aveva scritto dal carcere di Opera”. A parlare è il saronnese Paolo Bocedi (foto), presidente nazionale dell’associazione antiracket Sos Italia libera.

Per Corona, il “paparazzo” delle star finito poi in una serie di guai giudiziari, in passato Bocedi aveva lanciato un appello all’allora presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, con una rischiesta di “Grazia”, sottolineando che si trattava di un intervento per una questione “umanitaria” e di “equità” e ricordando che l’ex fotografo dei vip era già da tempo in carcere, epilogo di una vicenda giudiziaria trascinatasi per lungo tempo ma che, secondo Bocedi, avrebbe almeno potuto portare a definirsi con una condanna ai domiciliari.

14032021

8 Commenti

  1. Pienamente daccordo non capisco questo accanimento gratuito della magistratura , certo il Corona non è un santo ma mi sembra esagerato questo trattamento ,tenendo appunto conto di tutti i delinquenti e gentaglia varia che la si lascia libera di ripetere i reati .

  2. Non trovo assolutamente giusto questo accanimento verso un uomo che va curato ci sono altri modi non è un assassino dovete aiutare questo ragazzo per noi genitori vedere quello che gli stanno facendo è terribile

  3. A mio avviso è sbagliato quello che afferma il Signor Paolo Bocedi E quello che afferma l’Avv. Ivano Chiesa. Premesso che i Magistrati di Sorveglianza di Milano sono persone onesti e corrette, il Presidente Dottoressa Giovanna De Rosa persona eccezionale, onestissima e perbene, detto ciò, il Signor Fabrizio Corona, non può fare ciò che vuole, avrebbe dovuto rispettare le prescrizioni che gli sono stati imposti quale condizione si ne qua non per poter ottenere gli arresti domiciliari 47 ter O.P., infatti egli ha giocato sul fatto della incompatibilità del regime carcerario. L’avv. Ivano Chiesa insieme al Suo cliente devono portare rispetto alla Magistratura tutta, il Procuratore Generale Dottor Antonio Lamanna che conosco personalmente è un ottimo Magistrato ed è persona onesta. Il Signor Fabrizio Corona deve rispettare la decisione ricevuta che la conseguenza della sua sceta di vita. Francesco Papale

  4. Non è vero che i delinquenti sono in libertà, queste sono parole gratuite. Il Tribunale di Sorveglianza svolge un compito delicato ed è l’inserimento del reo nel tessuto sociale. Vi sono delle regole e vanno rispettate. Se Fabrizio Corona fosse come lui afferma vittima della giustizia, Egli può rivolgersi alla Corte d’appello di Brescia e chiedere in ossequio all’ex art. 630 cpp atto di revisione. Come mai non l’ha chiesto? Dunque a mio avviso è responsabile dei reati a lui ascrittogli. Tutto il resto è aria fritta! Francesco Papale

  5. Impressiona e mi inquieta quante volte si è cliccato su questo articolo.Forse sta succedendo qualcosa di strano quando si parla dei nuovi attori politici di fratelli di Italia?mah

    • Prima che Fabrizio Corona entrasse in carcere, in merito alla questione ebbi una lunga discussione con Il Procuratore Generale Dottor Antonio Lamanna, persona modestissima e perbene, mi spiegò il suo punto di vista è non ho potuto fare altro che concordare con Lui il suo pensiero. Fabrizio Corona non è Dio ma un comune mortale. I Magistrati con lui sono stati più che benevoli, rispetto agli altri detenuti, lo hanno ampiamente privilegiato per ben due volte e questo Signore ha abusato del grande dono ricevuto.

Comments are closed.