SARONNO – SOLARO – ORIGGIO Riceviamo e pubblichiamo la lettera di due pazienti covid dell’ospedale di Saronno per ringraziare il personale del presidio di piazzale Borrella.

Gentile direttore, Le inviamo questa missiva per testimoniare l’efficienza degli operatori sanitari che sono impegnati in prima linea nei reparti di emergenza Covid-19 nell’ospedale di Saronno.

Da un iniziale ricovero al terzo piano nel padiglione rosso della struttura, siamo poi stati trasferiti nella nuova area posta al primo piano adibita all’uso di caschi Cpap.

In entrambe le situazioni, abbiamo trovato ottimi professionisti: dottori, infermieri e personale delle pulizie sempre pronti a dare conforto e assistenza costante.
Giovani e meno giovani, tutti competenti e ben disposti a fare il possibile per alleviare le nostre sofferenze, tutti hanno affrontato ogni singolo giorno con gioia e positività per spronarci e attenuare le nostre pene.

Abbiamo visto persone che a fine turno passavano a salutarci, nonostante fossero sfinite e provate dall’intensa giornata, sudate e stanche nelle loro tute bianche, sempre con una battuta scherzosa e un sorriso negli occhi.

Persone fantastiche che con impegno e coraggio ci hanno aiutato in tutti i modi. Pensiamo che sia così in tutti i reparti Covid-19 di tutti gli ospedali. Qui noi abbiamo visto la migliore Italia.

Ci rivolgiamo a chi dice che l’Ospedale di Saronno sia da chiudere: noi che in questa struttura ci abbiamo passato molto tempo e abbiamo avuto modo di toccare con mano professionalità e competenza, diciamo invece che questo ospedale è una vera eccellenza per tutto il personale medico-sanitario che qui lavora con abnegazione e coraggio.

Sosteniamo fermamente che sia un’esigenza e una necessità reale mantenere aperta e attiva questa struttura così preziosa per tutti i cittadini di Saronno e dei paesi limitrofi.

La ringraziamo per il tempo e lo spazio dedicati.
Cordiali saluti.
Origgio: Colombo Gianni
Solaro: Protti Vittorio

2 Commenti

  1. L’ospedale di Saronno é una istituzione fondamentale radicata nel territorio da ben oltre cento anni, non si può dilapidare un patrimonio così importante.

  2. Dimessa giovedì,reparto covid 1 terzo piano pronto soccorso.Posso confermare quanto già detto e colgo l’occasione per ringraziare ancora tutta l’equipe medici e infermieri per il lavoro svolto con professionalità ma soprattutto con tanta umanità.

Comments are closed.