SARONNO – “Civicam è il portale scelto dall’amministrazione comunale per lo streaming del consiglio comunale e delle commissioni consiliari oltre che di altri eventi del comune. È una scelta tecnica, condivisibile o meno, che costa 6.300 euro all’anno di abbonamento Premium; il contratto prevede la trasmissione in diretta, l’indicizzazione dei contenuti per la ricerca e consultazione on-demand. Tecnicamente è uno strumento valido, ma va utilizzato correttamente e compiutamente perché il costo sostenuto sia accettabile”.

Inizia così la nota del capogruppo della Lega Raffaele Fagioli che analizza la novità recentemente introdotta dall’Amministrazione. 

“Ad oggi vediamo che la seduta di consiglio comunale del 27 aprile è pubblicata correttamente, è fruibile nella sua interezza. Le registrazioni delle riunioni delle commissioni sport e cultura, che sono state trasmesse in diretta seppur con qualche singhiozzo e difficoltà tecnica, purtroppo non sono disponibili. Un vero peccato non concedere ai cittadini la consultazione d’archivio di tutte le riunioni. Gli altri comuni presenti sulla piattaforma Civicam lasciano a disposizione numerose riunioni di tutte le commissioni, oltre alle sedute di consiglio comunale”.

Ma all’ex presidente del consiglio comunale sorge un quesito: “Ci domandiamo se l’assenza delle due registrazioni (commissione sport del 3/5 e commissione cultura del 4/5) sia il solito errore tecnico, involontario e causato da chissà quale combinazione nefasta oppure sia stata una scelta politica di autocensura; ho assistito ad entrambe le riunioni e, politicamente parlando, le dichiarazioni rilasciate in fase di dibattito da molti esponenti dell’amministrazione avrebbero potuto essere oggetto di forte imbarazzo per il Sindaco e la maggioranza. Avevo ipotizzato, confrontandomi con altri politici e amministratori saronnesi, la possibilità che tali registrazioni risultassero indisponibili; purtroppo sono stato facile profeta”.

Da queste considerazioni le richieste: “Chiedo all’amministrazione di riflettere su questo comportamento poco trasparente ed invito a rendere pubbliche le registrazioni delle riunioni o, almeno, i verbali delle stesse; non produrranno lo stesso effetto, ma sarà sempre meglio di nulla”

Fagioli traccia un bilancio delle scelte dell’Amministrazione sul fronte della condivisione coi cittadini e ne emerge una sonora bocciatura: “Ad oggi la trasparenza promessa è rimasta lettera morta: delle commissioni non viene data evidenza pubblica né sul sito comunale né sulle pagine social, dei verbali delle precedenti riunioni nessuna traccia.

Nella seduta del 20 dicembre scorso proponevo di prevedere la trasmissione in streaming delle riunioni delle commissioni per garantire la massima partecipazione e conoscenza degli argomenti trattati: la maggioranza si oppose. Oggi sono dunque contento che la mia proposta sia stata attuata, seppure non indicata nella delibera istitutiva delle commissioni, e voglio sperare che si prosegua in questa direzione lasciando in archivio pubblico tutte le registrazioni; in questo modo i cittadini avrebbero l’opportunità di informarsi anche successivamente alle dirette che potrebbero coincidere con altri impegni personali.

Ben venga l’utilizzo della tecnologia a supporto della trasparenza, ma non a discrezione dell’amministrazione: tutto deve essere reso disponibile come fanno altri comuni a guida Pd”.

15 Commenti

  1. Che fine ha fatto la trasparenza? Tutte balle elettorali…e qualcuno crede ancora ai cattocomunisti

  2. Una novità: a Saronno è presente un profeta.
    Assurgere al ruolo profetico occorre avere capacità e competenze adeguate al ruolo, che verrebbe riconosciuto solo quando eventi clamorosi si siano verificati realmente. La macchina comunale così come è stata ereditata ha necessità di una revisione radicale per renderla trasparente ed efficiente come si vorrebbe e non come era stata pianificata dalla lega.

  3. Commovente che questo parla di trasparenza, quando la loro Amministrazione e’ stata campione di mutismo e “palazzo chiuso”
    Cosi come consideri 6000 euro spesa gravosa, loro che 900.000 euro buttati per il campo della salamella felice!

    • Che belle parole Augusto!
      Il campo per le salamelle è un investimento utile per la città, che sicuramente la nuova amministrazione saprà valorizzare.

  4. “le dichiarazioni rilasciate in fase di dibattito da molti esponenti dell’amministrazione avrebbero potuto essere oggetto di forte imbarazzo per il Sindaco e la maggioranza.”
    detto da chi di imbarazzo non ne ha mai avuto

  5. Lei è quello che a fatto allontanare “3 cittadini a caso ” durante un consiglio comunale aperto? Da che pulpito…

  6. I leghisti sono ossessionati: vedono complotti dappertutto. Forse perché loro nemmeno sapevano che cosa fosse la trasparenza? Ma non hanno proprio niente da fare che scrivere, scrivere, scrivere? Non lavorano???

  7. oramai ogni giorno dobbiamo sorbirci i pstolotti di questi signori che non hanno ancora digerito la sconfitta. nei loro 5 anni di amministrazione hanno fatto strame della trasparenza, della sicurezza e dell’ascolto del cittadini. hanno imbavagliato saronno e ora si ergono a paladini troppo tardi.

  8. “proponevo…” praticamente continua a proporre tutto quello che avete sempre negato quando eravate la maggioranza….

  9. Speriamo solo non cambiate passo almeno fino alle prossime amministrative… Per il bene di Saronno

  10. Ma quindi siete tutti contenti di non poter vedere le commissioni? Ma leggete il testo prima di commentare?

Comments are closed.