SARONNO – Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di Vivaio Saronno circa il questionario sull’Isotta Fraschini utile a due tesiste del Politecnico.

La diffusione delle informazioni sulla rigenerazione urbana di cui è oggetto l’area ex-Isotta Fraschini ha generato, fin dai primi mesi, una grande attenzione delle istituzioni scolastiche a vari livelli. Ricordiamo per esempio la visita dei bambini delle scuole elementari saronnesi, oppure il progetto che ha coinvolto gli studenti al primo anno di Master all’accademia di architettura di Mendrisio sotto la guida di Michele Arnaboldi, che Saronno città dei beni comuni ha supportato con documentazione e visite dedicate.

Sono poi molti altri gli studenti che, a vario titolo, hanno partecipato agli incontri del percorso Officina Vivaio della scorsa primavera o che ci hanno contattato per avere documenti e informazioni, che abbiamo fornito a tutti per quanto nelle nostre possibilità.

In questo solco s’inquadra anche la tesi per il corso di laurea magistrale in ingegneria edile – architettura presso il Politecnico di Milano di due studentesse del saronnese, Anna Mariani e Giorgia Gherardi, con relatrice la professoressa Laura Marighetti, che si propone di affrontare temi importanti e attuali come il contenimento dei consumi energetici e l’uso di materiali biobased.

Temi che abbiamo affrontato negli incontri pubblici e sul sito www.vivaiosaronno.org, e che sono parte fondamentale della progettazione in corso da parte dello studio Cza di Cino Zucchi, ma che nel caso della tesi delle due studentesse avranno un percorso completamente indipendente e slegato da quella che sarà l’effettiva rigenerazione urbana dell’area.

Sbc vede però con grande favore l’interesse degli studenti sull’area, sul progetto e sui temi che solleva, per questo ha deciso di contribuire alla diffusione del questionario online che Anna Mariani e Giorgia Gherardi hanno predisposto per iniziare la fase istruttoria alla propria tesi, raccogliendo pareri e opinioni da parte dei saronnesi ma non solo.

Il questionario può essere compilato a questo link in forma anonima e richiede solo pochi minuti. Tutti coloro che seguono l’evoluzione del progetto sono invitati, se lo desiderano, a partecipare, in modo da garantire alle due studentesse un campione statistico sufficientemente consistente.

(foto d’archivio)
21092022

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.