industriale chimica corteo municipio SARONNO – Un’assemblea pubblica allo stabile comunale occupato di via Don Monza e un presidio in piazza San Francesco: sono le due azioni organizzate da Slai Cobas, dopo il corteo dello scorso 21 gennaio, in merito alla situazione che sta vivendo Industriale chimica, l’azienda di via Grieg parte della multinazionale Chemo che in seguito ad una contesa con Bayer sull’uso del brevetto del principio attivo di un anticoncezionale ha annunciato l’esubero di 50 dipendenti e l’intenzione di non rinnovare 13 contratti a termine.

Ecco la nota inviata dall’associazione sindacale:

Siamo ostaggi in una contesa tra Bayer e Industriale chimica? Siamo destinati ad essere massacrati da un pronunciamento di un giudice o dalla volontà dei padroni di non rinunciare ad un euro dei propri profitti?
Burattini che vanno tenuti fermi perché non si agitino troppo e non disturbino, rassicurati da qualche promessa buttata lì dalla direzione?
No, siamo lavoratori, sfruttati, gente con una propria dignità, che non vuole arrendersi,morire in silenzio solo perché per una ditta  prima soluzione è di aprire la mobilità per 50 lavoratori e lasciarne a casa altri 13 interinali.
Riprendiamo la parola,riprendiamo la lotta,ma soprattutto riprendiamo la mobilitazione in tutte le forme possibili e che riterremo adeguate.
Giovedì 7 febbraio si terrà un ncontro tra i lavoratori aperto a tutti presso lo stabile situato in via Don Monza 18 alle 21:30 mentre sabato 9 febbraio organizzeremo un presidio dalle 16 alle 19 in piazza San Francesco.

07022013