SARONNO – Nemmeno gli acquazzoni che hanno caratterizzato la giornata di domenica hanno fermato la rinascita dello skatepark del quartiere Matteotti che oggi è stato protagonista di una giornata di festa intitolata “The other side II”.

L’evento è stato ideato da Dino Gallo, vulcanico saronnese attivo nel Matteotti calcio e in diverse iniziative cittadine, ed ha visto la partecipazione del “Villaggio Matteotti insieme”, “Il gabbiano”, Matteotti Calcio, la Croce rossa, la parrocchia di San Giuseppe, l’associazione “Anima e core” con l’Amministrazione civica. L’obiettivo, restituire al quartiere un’area dove negli ultimi mese regnavano rifiuti, degrado e persino siringhe è stato centrato.

Per tutta la giornata decine di giovani appassionato di Bmx e skate si sono recati alla struttura di via Leonardo da Vinci divertendosi sulle rampe completamente rinnovate che nuovi colori e disegni. Apprezzati anche lo stand del Matteotti calcio con punto di ristoro e la presenza dell’ormai notissima zia Amaranta e di Giampaolo Terrone, ambasciatore della Repubblica di Uzupis. Nonostante la pioggia caduta alle 15 centinaia di persone si sono radunate nell’area verde per assistere al contest di skate, monopattino, roller e Bmx a cui hanno partecipato 22 appassionati che hanno messo in mostra le proprie migliori performance.

Apprezzatissima anche l’esibizione del gruppo di hip hop femminile “7poses” e di Massimo Cordiano, saronnese e nazionale azzurro di hockey su ghiaccio under 20. Il pomeriggio si è concluso con una lezione di pattinaggio di Lino Cordiano. Ad immortare al giornata il film maker Francesco Cattaneo e la webtv PierodaSaronno.

200702014

5 Commenti

  1. Questo e passione e divertimento basta poco , il degrado e l’illegalità ( dei centri sociali e cineforum) non servono a Saronno .
    Un grazie a Silighini

  2. Lodevole iniziativa.
    Un appunto: l’area è uno skate park in cui è espresso divieto l’uso di bici, pattini ed altri mezzi di locomozione eccetto ovviamente gli skateboard.
    Ha senso permettere, durante la festa, questa trasgressione?
    Non vorrei che poi la violazione delle regole proseguisse per tutto l’anno.
    La struttura è studiata per la sicurezza degli skaters, non dei pattinatori o ciclisti di bmx. E se qualcuno si fa male???

  3. Un bravo a tutti gli organizzatori e a tutti coloro che hanno partecipato con passione. Io nemmeno sapevo dove fosse lo skate park e adesso lo so.

    Speriamo sia il primo appuntamento di una lunga serie. 🙂

Comments are closed.