29072015 recupero pesci lura (9) SARONNO – Nelle prossime serate, maltempo permettendo, i tecnici della società incaricata dall’Amministrazione comunale realizzerà l’intervento di dezanzarizzazione. L’obiettivo eliminare larve ed esemplari adulti.

Si tratta di una tranche del piano attivato nell’autunno scorso dell’assessorato all’Ambiente, guidato dall’assessore Giampietro Guaglianone, per rispondere alle segnalazioni dei saronnesi. L’intervento ha permesso di mettere in calendario interventi di disinfestazione ad hoc per topi, blatte e zanzare. Un’azione di prevenzione che in città non veniva realizzata da due anni.

Durante gli interventi si raccomanda ai residenti di: non entrare nelle aree interessate durante il trattamento e per almeno un’ora dal termine dello stesso; tenere chiuse porte e finestre poste in prossimità del giardino; non entrare con animali nelle aree trattate almeno fino al termine dell’intervento; evitare il consumo dei prodotti di eventuali orti situati nelle vicinanze dei luoghi trattati per almeno 3 giorni. Il prodotto utilizzato rispetta tutte le normative in materia ma in caso di avvelenamento si invita a contattare il centro antiveleni dell’ospedale Niguarda (0266101029).

14072016

5 Commenti

  1. In realtà questi interventi sono troppo mirati, ovviamente, per debellare il fenomeno. Non dico che siano inutili, ma non hanno chissà quale efficacia. Sono utili invece quelli a tombini e pozzetti, dove il ristagno di acqua consente alle zanzare di proliferare. Il problema però è che oltre alle aree pubbliche, ci sono migliaia di focolai in aree private. Basta una grondaia intoppata dove si accumula acqua, un secchio di un orto lasciato riempire per circa una settimana, sottovasi pieni in ombra, rifiuti come contenitori di plastica, copertoni o altro con pochi cm di acqua… pozzetti di scarico… se ognuno fa la sua parte anche nel privato allora sì che si riuscirà a ridurle, altrimenti è una lotta impari.

  2. Amavo l’amministrazione del PD che non ha mai fatto interventi contro topi e pantegane.

Comments are closed.