SARONNO – Mamme che inseguono bimbi che camminano guardando il cellulare, adolescenti che procedono come fossero rabdomanti e anche qualche insospettabile adulto che si ferma dopo aver sentito il telefonino vibrare e si mette a giocare invece che a rispondere.

La Pokemon-Go mania che sta spopolando in tutto il mondo ha conquistato anche la città degli amaretti. Ieri noi de ilSaronno, qualcuno in redazione è stato contagiato, abbiamo chiesto l’aiuto di un’appassionata, che si è cimentata anche nelle prime edizioni del videogame, per cercare di capire che possibilità offre la città degli amaretti.

“Dal punto di vista del gioco – spiega Il nostro guru – Saronno offre molte occasioni: ci sono molti pokemon, pokestop e palestre. I livelli, di quest’ultime, sono mediamente alti (segno che in città si gioca fin dai primi giorni) ma ci sono spazi per divertirsi”.

ALLERTA SPOILER: Da questo punto in poi la nostra appassionata svela la posizione di palestre e pokestop. Se preferite godervi l’esplorazione meglio non proseguire nella lettura.

image

 

CENTRO STORICO
“La ztl rappresenta sicuramente una zona di gioco interessante: ci sono due pokestop in piazza Repubblica, due all’incrocio tra via Garibaldi e via Marconi, uno in piazza Libertà ed uno in via Mazzini. Qui si trovano soprattutto pokeball. Come pokemon è possibile trovare Pidgeot, Rattata, Spearow e Zubat. In via Caronni è stato catturato un Meowth. Particolarmente interessante l’incrocio tra via Carcano e corso Italia dove si può trovare uno Snorlax di buon livello. Utile anche Horsea che spesso compare in via Padre Monti accanto al cantiere. A ridosso della Ztl in via Filippo Reina è stato avvistato uno Psyduck mentre tra via Manzoni e via Marconi si posso trovare degli Exeggcute”

Ecco alcuni pokestop del centro

ZONA GIOCO SANTUARIO
“Molto proficua sarà una passeggiata nella zona intorno al Santuario. Arrivando lungo via Varese ci sono 4 pokestop (Telos murales alla porte del Matteotti, piazza Aviatori e Poste). Le palestre del quartiere sono due una alla torretta di via Varese e una sul Santuario. Ce n’è anche una in stazione. Nella zona ci sono anche tantissimi pokestop (due all’insubria, l’obelisco, la fontana, il monumento ai caduti, il murales degli scaout, il passaggio pedonale che porta all’ingresso dell’ex seminario). Ci sono anche molti pokemon da catturare lungo viale Santuario: Doduo, un Golbat di buon livello dietro al Santuario, tanti Rattata e Caterpie”.

La raccomandazione è quella di usare prudenza prestando sempre attenzione non solo al gioco ma soprattutto a quanto accade intorno a noi. “Se devo consigliere chi si prepara ad un’intensa seduta di Pokemon go direi soprattutto scarpe comode e cappellino e soprattutto se si gioca con i più piccoli prediligere le zone pedonali come viale Santuario dove le attrattive non mancano e si garantiscono spostamenti in sicurezza”.

19072016

16 Commenti

  1. La raccomandazione è quella di usare prudenza prestando sempre attenzione non solo al gioco ma soprattutto a quanto accade intorno a noi.

    Si… ci crediamo !!!
    ZOMBIEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

  2. Io non vedo cosa ci sia di male, tutti a gridare zombie e cose simili, ma possibile che non vi va mai bene niente? è un gioco, prendetelo come tale !! Se non vi interessa evitate i commenti squallidi e bigotti….

    • Caro Anonimo purtroppo Saronno e il mondo sono pieni di bigotti e persone che parlano per dare aria alla bocca.
      Ognuno è libero di fare il cavolo che gli pare… come tutta questa gente è libera di andare in giro a cercare (e trovare), non i pokemon, ma la vastità del cavolo che frega agli altri della loro opinione.

  3. Intanto stasera per la prima volta dopo 10 anni la piazza del santuario è piena di giovani!
    Saronnesi scaricate pokemongo e riprendetevi la città! Gli zombie sono i residenti chiusi in casa e distaccati dalla vita!

  4. Caro Anonimo purtroppo Saronno e il mondo sono pieni di bigotti e persone che parlano per dare aria alla bocca.
    Ognuno è libero di fare il cavolo che gli pare… come tutta questa gente è libera di andare in giro a cercare (e trovare), non i pokemon, ma la vastità del cavolo che frega agli altri della loro opinione.

  5. Sempre meglio che provarci con le ragazzine sui vari social o spacciare in stazione 🙂
    Io giro e gioco con i pokemon, conosco altre persone (dal vivo) e mi diverto anche…
    Se è così la lobotomia…boia…lobotomizziamo tutti!

  6. L’applicazione richiede permessi sul dispositivo dell’utente che permettono di spiare contatti, foto, documenti e quant’altro.
    Non a caso il gioco è stato creato da un uomo d’affari legato alla CIA che ha partorito la sua azienda nei meandri di Google.
    La gente paga per farsi spiare… e si diverte facendolo!

    • Signur…ora anche la CIA.
      Non bastava che spiassero tutti i social, ora pure il gioco dei pokemon.
      Stamattina avranno sicuramente scoperto che ho catturato un bulbasaur mentre andavo a prendere la macchina per venire in ufficio in macchina cambiando le mie abitudini :O

  7. La vivibilità di Saronno è salva grazie ai Pokemon. Evviva!
    Dove hanno fallito i sindaci, la Nintendo ha avuto successo.

Comments are closed.