SARONNO – Mezza dozzina davanti alla biblioteca, quattro in via San Giuseppe, una decina dietro lo scalo ferroviario sono i volantini che nelle ultime ore sono comparsi nella città degli amaretti affissi sui muri. Per la verità si tratta delle locandine del primo evento del centro sociale Telos. Dopo la pausa estiva gli anarchici saronnesi propongono Acque scure un appuntamento giunto alla sua quinta edizione. Ci sarà come in passato un’occupazione temporanea. Per questo l’evento è stato promosso con volantini ed eventi sui social network ma senza precisare la location. L’appuntamento è per sabato sera, nella zona di Saronno. Poco prima dell’inizio della serata che promette di proseguire fino a tarda ora sarà resa nota la location. Ci sarà un post sulla pagina Facebook dell’evento che indicherà lo spazio dove radunarsi.

L’ultima edizione, ad esempio, si è tenuta nell’area dismessa ex Cantoni in via Miola suscitando non poche proteste tra i residenti per la musica proseguita fino alle 7 del mattino. Anche per l’appuntamento 2018 sono previsti diversi gruppi musicali che si esibiranno nel corso della nottata.

07092018

8 Commenti

  1. Antisistema che postano su FB? Come i noglobal con la lattina di Coca Cola nello zaino!

  2. PR sara ottima ed esaustiva come sempre in queste occasioni!
    … i cittadini saronnesi ringraziano per i dettagli trattasi di appuntamento veramente irrinunciabile! 5’edizione…wow! bravi ragazzi, avanti così!

    • Macché PR, ilSaronno è arrivato tardi e per ultimo, la notizia era già uscita nei giorni scorsi sugli altri giornali

      • Ilsaronno come al solito sempre “ultimo” e impreciso a dare notizie, mai un nome e cognome, tutto cosí generico. Sará (a) che conta solo i click per far cassa con la pubblicitá?

  3. oh, ne sentivamo la mancanza… sono tornati dalle ferie a Ibiza, Formentera, Sardegna, Mikonos…. ora ce li dobbiamo sorbire fino al prossimo luglio

  4. ma una sanzioncina amministrativa a qualche telos la vogliamo dare? o vengono solo comminate ad ambulanti? dai dai, che questi hanno i papà che le pagano!

Comments are closed.